Papa Francesco in Veneto il 28 aprile 2024: l’entusiasmo delle istituzioni regionali

255
Russia aggressore Terremoto sisma Turchia Siria papa francesco
Papa Francesco Jorge Mario Bergoglio

Domenica 28 aprile 2024 Papa Francesco si recherà in visita a Venezia. Il Santo Padre visiterà il Padiglione della Santa Sede alla Biennale d’Arte, presso il Carcere Femminile della Giudecca, e incontrerà la Comunità Ecclesiale del Patriarcato di Venezia, con un programma che sarà comunicato prossimamente. È quanto rende noto il patriarcato di Venezia in una nota sintetica rivolta alla stampa.

La notizia è stata accolta con entusiasmo in Veneto, anche dai rappresentanti istituzionali della Regione.

“Saremo lieti di accogliere Papa Francesco tra noi con un caloroso e commosso benvenuto – ha detto il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia. Con emozione, per questa sua nuova visita nella nostra regione, lo attendiamo a Venezia, la città simbolo che riassume tutta la nostra storia di comunità con profonde radici cristiane e, da sempre, connotata da una grande apertura verso tutto il Mondo.

Attendiamo Papa Bergoglio a braccia aperte – conclude il Governatore – in questa occasione che lascerà un ricordo indelebile e ringrazio il Patriarca Francesco Moraglia per l’impegno profuso affinché si concretizzasse. L’arrivo del Papa è un’occasione per riconfermare ancora una volta quel legame che da San Marco passa attraverso le figure di San Pio X, di San Giovanni XXIII e del Beato Giovanni Paolo I ma anche, con la visita alla Biennale, per offrire al Pontefice un vero spaccato di quel Veneto per cui l’identità non è mai chiusura in sé stessi ma ricerca di costante dialogo tra culture e forme artistiche differenti”, ha concluso il Governatore.

“La notizia della visita a Venezia di Papa Francesco è un segnale importante, di attenzione a una comunità segnata da una fede profonda pur nella libertà che storicamente questa chiesa ha sempre manifestato nei confronti di Roma”, è stato il commento del presidente del Consiglio regionale del Veneto, Roberto Ciambetti.