Payback: Cappelletti (M5s), il governo colpisce i più deboli. 190mila famiglie, tra le quali molte venete, rischiano di trovarsi senza reddito

916
Payback sanità
Payback sanità

“La decisione del governo di rinviare di un mese le scadenze del payback sanitario è grave e assolutamente inaccettabile”. Lo ha scritto in una nota Enrico Cappelletti, membro del M5s in commissione Industria alla Camera.

“Stiamo parlando – ha aggiunto – di almeno 190mila famiglie che rischiano di trovarsi da un giorno all’altro senza reddito. Di almeno 1400 imprese che rischiano di portare i propri libri contabili in tribunale, di cui molte notoriamente esercitano anche in Veneto . E noi diciamo loro che hanno un altro mese di tempo. Che tipo di risposta è questa? È intollerabile. Con questa operazione, a 190mila famiglie (che lavorano in quelle imprese, ndr) si rimanda la sentenza di lastrico, la sentenza di povertà, di mese in mese. E se le imprese coinvolte falliranno, rischieremo di mettere in ginocchio l’intero Servizio Sanitario Nazionale”.

“È davvero imbarazzate – continua Cappelletti – il balletto che c’è stato sul decreto Bollette. Noi abbiamo presentato emendamenti che avrebbero aiutato anche le imprese del Veneto e risolto il problema. E la maggioranza, che a parole diceva di essere d’accordo, li ha respinti tutti. Il minimo sindacale che chiedevamo era di salvare almeno le micro e le piccole imprese di cui il nostro territorio è caratterizzato. Ci è stato detto che era illegittimo, ma la misura è già prevista per il payback farmaceutico. Adottando una uguale franchigia di tre milioni, avremmo salvato almeno il 70% delle piccole e medie imprese. Non c’è stato il coraggio da parte del governo di affrontare questo problema. Eppure, le piccole imprese sono il faro attraverso cui la maggioranza stessa ha raccolto i suoi consensi. Oggi le sta tradendo, non dando tempo loro fino al 31 dicembre per risolvere il problema”.

“Il governo è capace solo di dare la colpa a Draghi e Renzi – prosegue -, che certo hanno delle responsabilità nella vicenda, ma loro avevano sospeso il provvedimento, rendendosi conto della follia che rappresentava. Meloni e i suoi, invece, sono andati avanti, dicendo che è semplicemente l’applicazione di una norma fatta da altri. Sul reddito di cittadinanza e sul Superbonus, invece, non si sono fatti troppi problemi. Perché non hanno cambiato anche il payback sanitario? Perché se la prendono sempre con i più deboli. Questo è di fatto un governo tecnico, fatto di burocrati che operano tagli lineari. Più draghiano di Draghi e più montiano di Monti. Non ha il coraggio di assumersi responsabilità politiche, al di là di alcune questioni ideologiche, peraltro pericolose”.

“Il miliardo messo a disposizione nel decreto Bollette – conclude Cappelletti -, oltre a essere un velato ricatto, mette micro e piccole imprese sullo stesso piano delle multinazionali. E certifica che l’unica cosa a cuore dell’esecutivo è la difesa dei poteri forti, a discapito dei più deboli”.