Peculato in municipalizzata di Venezia, Guardia di finanza denuncia ex dipendente

527
peculato municipalizzata

È accusato di peculato un ex dipendente di una municipalizzata di Venezia che avrebbe sottratto oltre 100 mila euro con un raggiro.

La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Venezia ha delegato i militari del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza di Venezia all’esecuzione di un’ordinanza di sequestro preventivo per equivalente.

Il provvedimento è stato emesso dal locale Giudice per le indagini preliminari di Venezia, fino all’ammontare di 114.029,50 euro nei confronti di un ex dipendente di una società municipalizzata dei trasporti veneziana.

L’ex dipendente della municipalizzata è stato denunciato per peculato poiché si sarebbe indebitamente appropriato dell’ingente somma di denaro “contante” relativa alla vendita di biglietti di trasporto pubblico, senza operare il previsto “riversamento” nelle casse della stessa società.

L’indagine, avviata a seguito di denuncia-querela presentata dalla predetta municipalizzata, avrebbe riscontrato, in sintesi, che i titoli venivano affidati in conto vendita a strutture ricettive convenzionate con la società municipalizzata e che il relativo controvalore, ritirato dall’ex dipendente dopo la vendita dei biglietti, veniva da questi trattenuti a titolo personale, anziché essere versato nelle casse societarie.

Nell’ambito del medesimo contesto investigativo è stato segnalato all’autorità giudiziaria un ulteriore soggetto per il reato di ricettazione: avrebbe ricevuto una parte del denaro oggetto del peculato, pari ad oltre 40 mila euro, mediante versamenti sul proprio conto corrente bancario e carte postepay a lui intestate.