Recoaro Mille, tra natura e delizie nelle Piccole Dolomiti

2942
Recoaro Mille
Recoaro Mille. La vista da Cima Tunche. Foto di Marta Cardini

Recoaro Mille, nell’Alto Vicentino, offre un’infinità di sentieri e luoghi ameni da riscoprire. E’ possibile andarci nel week end e trovare la località semideserta, oppure la si può trovare piena di sportivi che fanno arrampicata, mountain bike o semplici passeggiate. Il turismo a Recoaro Terme non è mai stato facile da capire. Ma per chi abita a Vicenza o in provincia è una delle belle località di montagna più vicine da raggiungere.

cima tunche recoaro mille
Il Rifugio di Cima Tunche a Recoaro Mille. Foto: Marta Cardini

Dare per scontata o già vista una località montana nelle piccole Dolomiti come Recoaro Mille? Lo hanno fatto molti vicentini, ma il periodo pandemico ha dato modo di riscoprire sentieri e paesaggi inediti a pochi km da casa. Appena di arriva, il parcheggio più comodo è quello “in busa Castiglieri”, anche se una parte del parcheggio è ora interessata a dei lavori di riqualificazione. Da lì è possibile raggiungere Cima Tunche a metri 1.076 s.l.m. per godere di un ottimo panorama. Se siete fortunati, potrete vedere al pascolo anche più di una cinquantina di mucche.

Oppure, sempre partendo dalla “busa”, si può raggiungere il “laghetto busa di Pizzegoro”, anch’esso in fase di sistemazione e riqualificazione ambientale. Dal rendering del progetto, è possibile vedere che è prevista una recintazione con all’interno un parco giochi, delle stradine percorribili a piedi, una stradina che fa il giro del lago, un piccolo pontile che sporge e degli scalini che entrano nel laghetto.

laghetto pizzegoro
Il laghetto Pizzegoro a Recoaro Mille. Foto: Marta Cardini

A pochi metri dal laghetto si trova il Rifugio Pizzegoro. Da dietro il rifugio parte un sentiero abbastanza impervio che arriva fino a Monte Falcone, al Rifugio Gingerino, dove arriva la seggiovia che parte dalla busa.

Se invece siete degli escursionisti un po’ più esperti, sempre partendo dalla busa dei Castiglieri, potete prendere la strada in salita che va verso “La Gabiola” e “Malga Morando”. Da lì, chi sa fare trekking più impegnativo, può percorrere il Sentiero dei Grandi Alberi, un luogo spettacolare che, soprattutto in autunno, regala colori magnifici, col foliage degli alberi e le montagne che fanno da sfondo. Dal Sentiero dei Grandi Alberi si può arrivare fino al laghetto delle Creme o Sea del Risso, sull’altopiano delle Montagnole. E’ un laghetto difficile da trovare se non si conosce dov’è perché dalla strada non si vede.

rendering lago pizzegori
Il rendering del laghetto Pizzegori. foto: Marta Cardini

Qualunque sentiero decidiate di percorrere, potrete godere dell’aria pulita e ricca di ossigeno, di panorami magnifici e potrete gustare dell’ottimo formaggio di malga oppure dei salumi o degli “gnocchi con la fioreta”, fatti col latte di mucca.