L’Operazione “Riapriamo le porte”, promossa dall’ Organizzazione “Di sana e robusta Costituzione” (leggi da noi «Al San Bortolo di Vicenza la seconda tappa veneta di “Riapriamo le porte”») e da CLN, sindacato CUB e associazione Io, ha ottenuto dalla direzione generale e da quella sanitaria dell’Ulss 8 l’abolizione nell’ospedale San Bortolo di Vicenza delle restrizioni a suo tempo imposte per fronteggiare la pandemia.

Raffaele Varvara, presidente della Organizzazione Popolare Rivoluzionaria “Di sana e robusta Costituzione”, spiega nella video intervista del 28 ottobre scorso in copertina obbiettivi e modalità della manifestazione nella nostra videointervista.

Riapriamo le porte
Uno striscione di “Riapriamo le porte” all’ingresso dell’Ospedale San Bortolo

Alla delegazione degli organizzatori è stata assicurata la deroga del controllo del lasciapassare sul fine vita e per i pazienti fragili, una verifica interna sulle difformità delle condotte professionali dei sanitari e una corsia comunicativa preferenziale per segnalare condotte professionali difformi o arbitrarie.

La seconda tappa veneta (dopo quella all’ospedale Borgo Trento di Verona) di “Riapriamo le porte” ha portato il 28 ottobre un presidio davanti all’ingresso del San Bortolo di Vicenza. Proseguirà in altri ospedali italiani per poi dirigersi verso la Lombardia e puntare al Ministero della salute.

Articolo precedenteA Thiene principio d’incendio di un autolavaggio, forse doloso: intervengono i vigili del fuoco di Schio
Articolo successivoTocatì, Zaia: “da Unesco primo sì al festival veronese di giochi di strada come patrimonio dell’umanità”
Gianni Poggi risiede e lavora a Vicenza. È iscritto all’Ordine dei giornalisti. Le sue principali esperienze giornalistiche sono nel settore radiotelevisivo. È stato il primo redattore della emittente televisiva vicentina TVA Vicenza, con cui ha lavorato per news e speciali ideando e producendo programmi sportivi come le telecronache delle partite nei campionati del Lanerossi Vicenza di Paolo Rossi, i dopo partita ed il talk show «Assist». Come produttore di programmi e giornalista sportivo ha collaborato con televisioni locali (Tva Vicenza, TeleAltoVeneto), radio nazionali (Radio Capital) e locali (Radio Star, Radio Vicenza International, Rca). Ha scritto di sport e di politica per media nazionali e locali ed ha gestito l’ufficio stampa di manifestazioni ed eventi anche internazionali. È stato autore, produttore e conduttore di «Uno contro uno» talk show con i grandi vicentini della cultura, dell’industria, dello spettacolo, delle professioni e dello sport trasmesso da TVA Vicenza. Ha collaborato con la testata on line Vvox per cui curava la rubrica settimanale di sport «Zero tituli». Nel 2014 ha pubblicato «Dante e Renzo» (Cierre Editore), dvd contenente le video interviste esclusive a Dante Caneva e Renzo Ghiotto, due “piccoli maestri” del libro omonimo di Luigi Meneghello. Nel 2017 ha pubblicato per Athesis/Il Giornale di Vicenza il documentario «Vicenza una favola Real» che racconta la storia del Lanerossi Vicenza di Paolo Rossi e G.B. Fabbri, distribuito in 30.000 copie con il quotidiano. Nel 2018 ha pubblicato il libro «Da Nobile Provinciale a Nobile Decaduta» (Ronzani Editore) sul fallimento del Vicenza Calcio e «No Dal Molin – La sfida americana» (Ronzani Editore), libro e documentario sulla storia del Movimento No Dal Molin. Nel 2019 ha pubblicato per Athesis/Il Giornale di Vicenza e Videomedia il documentario «Magico Vicenza, Re di Coppe» sul Vicenza di Pieraldo Dalle Carbonare e Francesco Guidolin che ha vinto nel 1997 la Coppa Italia.