Rifondazione Comunista, appello alla partecipazione alle manifestazioni per la pace in tutta Italia

383
manifestazioni per la pace

Il partito della Rifondazione Comunista ha lanciato oggi un appello alla partecipazione alle manifestazioni per la pace che si terranno domani, venerdì 27 ottobre 2023, in tante città italiane, e sabato 28 al corteo nazionale a Roma per la Palestina che partirà alle 15 da Piazza di Porta San Paolo e si concluderà a Piazza San Giovanni.

Il segretario generale dell’ONU Antonio Guterres ha detto la verità – si legge in una nota – che i governi dei paesi NATO fanno finta di non conoscere. Bisogna scendere in piazza come sta accadendo in tutta Europa per esprimere la solidarietà al popolo palestinese e gridare non in nostro nome.

Il governo italiano e l’Unione Europea, in questi anni, non hanno assunto posizioni nette contro le sistematiche violazioni dei diritti umani. La condanna dell’attacco ai civili e il cordoglio al popolo israeliano erano atti dovuti, non lo è l’accondiscendenza. Nei nostri media si sta ripetendo la stessa dinamica che abbiamo visto all’opera dall’invasione russa dell’Ucraina. Una narrazione unilaterale che ignora le radici del conflitto e disumanizza il nemico.

Noi condanniamo tutti gli attacchi contro i civili. Che siano da parte di Hamas o del governo Israeliano. Ma esiste un aggressore, Israele, e un aggredito, il popolo palestinese. Esprimiamo perciò la nostra solidarietà al popolo palestinese e a chi in Israele si batte per la fine dell’occupazione e dell’apartheid”.

Dopo l’analisi della situazione, l’appello a partecipare alle manifestazioni per la Pace: “Bisogna scendere in piazza per fermare il massacro in corso, per il cessate il fuoco, per riaprire la strada della ricerca di una pace duratura fondata sul riconoscimento dei diritti del popolo palestinese“, conclude Rifondazione comunista.