Nuova Risonanza magnetica all’ospedale di Santorso, Lanzarin: “Cresce qualità sanitaria”

313
Risonanza magnetica Santorso

“L’inaugurazione di oggi della nuova risonanza magnetica all’ospedale di Santorso è l’ennesimo tassello di un impegno della Regione del Veneto a dotare di tecnologie di ultima generazione tutti i presidi del suo sistema sanitario”.

Queste le parole espresse questa mattina nel corso dell’evento inaugurale dall’assessore alla Sanità della regione Veneto, Manuela Lanzarin. All’inaugurazione erano presenti il Direttore generale della Ulss 7 Pedemontana, Carlo Bramezza, il sindaco di Santorso Franco Balzi, il dottor Calogero Cicero, primario radiologo (leggi qui).

L’ospedale di Santorso si arricchisce di un nuovo Tomografo a Risonanza Magnetica da 3 Tesla grazie a un investimento di oltre 1 milione 300 mila euro tra attrezzatura e adeguamento specifico dei locali.

Il tutto per un sistema diagnostico di ultima generazione, dotato di software all’avanguardia, per l’esecuzione di eccellenza di tutte le tipologie d’esame sia di routine che avanzati che “con intensità di campo di 3T permette inoltre di essere utilizzato per sfruttare le massime performance a disposizione nelle diagnosi ma anche nella ricerca come, ad esempio, per studi funzionali del cervello”, ha specificato l’assessore regionale.

“Una risonanza da 3 Tesla come questa non è scontata in un ospedale spoke – ha proseguito la Lanzarin -, ma rientra nella strategia di permettere nel modo più vasto di avere diagnosi precoci, tempestive, puntuali, e meno invasive. Un approccio che è certamente positivo per il sistema sanitario ma anche e soprattutto per la qualità di vita dei cittadini”.