Salvini e Di Maio in passerella a Vicenza per il FIR: pillola di Coviello

284

Sabato 9 febbraio Salvini e Di Maio verranno a fare passerella a Vicenza per farsi applaudire da chi (i crociati degli integralisti, per interessi di ego o, peggio, concreti, don Torta, Arman e Ugone) finora ha impedito nei fatti ai soci risparmiatori della Banca Popolare di Vicenza e di Veneto Banca di cominciare a rivedere i propri soldi dal 31 marzo 2018.

In quella data, già dal precedente governo, doveva essere emanato il decreto attuativo della legge 205, che aveva passato il vaglio dell’Europa, che ha già consentito il rimborso di centinaia di beneficiari di lodi Acf e che andava solo rimpolpata con i già previsti fondi dormienti.

Di Maio e Salvini, il bacio
Di Maio e Salvini, il bacio

Ma sabato la passerella di Salvini e Di Maio, sposi che più litigano più si concupiscono, servirà

  • nell’ipotesi migliore per gli azzerati ad esibire la loro vittoria con l’Unione Europea, che, ricordiamolo, nulla ha bocciato (è una fake news!) ma ha solo chiesto chiarimenti entro il 31 gennaio, come da noi pubblicato e da nessuno (politici o colleghi giornalisti che siano)  ripreso se non da Gelmini, Zanettin e Brunetta di Forza Italia nella loro interrogazione alla Camera
  • nell’ipotesi peggiore ad addossare alla Commissione europea la propria incapacità di gestire una trattativa positiva per i risparmiatori nell’ambito di quella fatta da Giuseppe Conte per la manovra che include la norma istitutiva del Fondo Indennizzo Risparmiatori.