Sandrigo, Polizia Locale Nordest Vicentino arresta latitante e condannato al carcere a Bologna e Firenze

674
Sandrigo, Polizia Locale Nordest Vicentino in azione
Sandrigo, Polizia Locale Nordest Vicentino in azione
Gli Agenti del Distaccamento di Sandrigo del Consorzio di Polizia Locale Nordest Vicentino, alle ore 11:00 di lunedì 04 aprile ha tratto in arresto B.H. 23enne cittadino bosniaco, poiché destinatario di n. 2 Ordinanze di Custodia Cautelare in Carcere, la prima emessa dal Tribunale  di Bologna il 06.09.2021; la seconda emessa dalla Corte di Appello di Firenze il 07.10.2021 – si legge nella nota che pubblichiamo della Polizia locale Nordest Vicentino (qui alcune altre notizie sulle sue attività, ndr) -.
A seguito di reiterate vane ricerche, la Corte di Appello di Firenze in data 19.10.2021 aveva anche emesso un decreto di latitanza nei confronti del Soggetto.
L’attività della polizia locale del Distaccamento di Sandrigo era iniziata alcuni giorni fa, quando, durante alcuni controlli effettuati  nel campo nomadi di Sandrigo, B.H.  era stato visto allontanarsi frettolosamente prima che gli agenti potessero avvicinarlo.
Venivano quindi chieste ed ottenute informazioni sui carichi pendenti, apprendendo che lo stesso era destinatario di provvedimenti cautelari emessi oltre 6 mesi fa e mai eseguiti a causa della sua irreperibilità.
L’Ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Bologna si riferiva ad una tentata rapina, con lesioni, perpetrata dal medesimo nei confronti di una donna anziana a Bologna in data 30.04.2021. Nella circostanza, “dopo averla seguita nella pubblica via, con un gesto repentino sottraeva il portafoglio dalla borsa della donna, salvo poi, in reazione alle grida di un terzo soggetto, presente al fatto, darsi alla fuga lasciando quanto appena sottratto e spintonando la donna sino a farla cadere rovinosamente a terra procurandole lesioni personali”.
Il Provvedimento della Corte di Appello di Firenze si riferisce al fatto che B.H. non aveva ottemperato a  misura cautelare disposta per altro reato, fingendo di essere domiciliato in immobile ove avrebbe dovuto trascorrere le fasce notturne, immobile nel quale non si è mai recato.
Dopo avere acquisito copia dei Provvedimenti cautelari, la Polizia Locale organizzava uno specifico servizio in abiti borghesi nei pressi del campo nomadi, fermando B.H., da anni noto agli Agenti,  mentre transitava a piedi nella zona industriale di Sandrigo. Nella circostanza, consapevole dei Provvedimenti che gravavano a suo carico, B.H. ammetteva di essersi sempre sottratto ai controlli di Polizia nel timore di essere arrestato.
Si procedeva pertanto all’arresto di B.H.  (per il principio della presunzione di innocenza la responsabilità delle persone sottoposte ad indagine sarà definitivamente accertata solo ove intervenga sentenza irrevocabile di condanna) e, previo foto-segnalamento e compilazione atti eseguiti presso la sede di Thiene, al suo accompagnamento alla Casa Circondariale di Vicenza, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Bologna e Firenze.