Società del Quartetto, al Comunale di Vicenza un terzetto per celebrare Brahms

292
Teatro comunale Città di Vicenza Gran Concerto di San Silvestro a società del quartetto
Foto d'archivio del pubblico al Teatro Comunale

Lunedì 15 aprile 2024 la Società del Quartetto cala un tris d’assi tutto italiano al Teatro Comunale di Vicenza: il violinista Marco Rizzi, il cornista Alessio Allegrini e Benedetto Lupo al pianoforte. Il concerto è ampiamente dedicato alla musica di Brahms con i Tre Intermezzi per pianoforte Op. 117, il Trio Op. 40 e il Trio “Hommage à Brahms” di Ligeti. Rizzi, con il suo Pietro Guarneri del 1743, esegue il Tempo di Ciaccona dalla Sonata per violino di Bartók.

Per il penultimo appuntamento della stagione di concerti 2023-24 ospitata al Teatro Comunale di Vicenza la Società del Quartetto ha scelto tre musicisti italiani fra i più in luce nell’attuale panorama internazionale: sono il violinista Marco Rizzi, il cornista Alessio Allegrini e il pianista Benedetto Lupo. Il trio è atteso lunedì 15 aprile alla sala del Ridotto con un programma di sicuro interesse che profuma molto di Brahms.

La musica da camera rappresenta per tutti e tre gli interpreti una dimensione vissuta con molta passione, nonostante sia Rizzi che Lupo possano vantare un largo successo anche come solisti. Ne daranno prova nel concerto di lunedì al Comunale, dal momento che entrambi si sono ritagliati una parte da assoluti protagonisti: Lupo con i Tre Intermezzi Op. 117 dell’ultimo Brahms – sublime, seppur malinconico e meditativo – e Rizzi con il Tempo di Ciaccona dalla Sonata in Sol minore di Bartók. Il trio si ricomporrà per l’esecuzione dell’avvincente Trio “Hommage à Brahms” che György Ligeti compose nel 1982 e in chiusura di programma del Trio in Mi bemolle maggiore, ancora di Brahms, nel quale l’autore torna all’amatissimo strumento con il quale fu avviato alla musica dal padre, cornista di professione.

Considerato uno dei musicisti italiani più apprezzati degli ultimi decenni, Marco Rizzi si è messo in luce a cavallo fra gli anni Ottanta e Novanta vincendo tre prestigiosi concorsi dedicati al violino: il Čaikovskij di Mosca, il Queen Elizabeth di Bruxelles e l’Indianapolis Violin Competition. Nel 1991, su indicazione di Claudio Abbado, gli è stato assegnato l’Europäischen Musikförderpreis. Da allora è sbocciata la sua carriera concertistica che lo ha portato ad esibirsi nelle più importanti sale da concerto di tutto il mondo sia come solista a fianco di prestigiose orchestre, sia in recital affrontando un repertorio molto vasto che comprende brani di autori contemporanei appositamente scritti per lui. Dai primi anni 2000 Rizzi ha affiancato all’attività concertistica quella didattica presso prestigiosi atenei europei.
Fra i talenti più interessanti e completi della sua generazione, Benedetto Lupo si è imposto all’attenzione del mondo musicale con l’affermazione – nel 1989, primo italiano – al prestigioso Concorso Van Cliburn. Da qui la collaborazione con le più importanti orchestre americane ed europee e un’intensa attività in recital nelle sale da concerto di tutto il mondo: dal Lincoln Center di New York alla Philharmonie di Berlino, dalla Wigmore Hall di Londra alla Salle Pleyel di Parigi. Lupo è anche un apprezzatissimo docente (fra gli allievi che ha lanciato c’è anche Beatrice Rana) all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e in varie masterclass che tiene presso importanti istituzioni. Degna di nota è anche la sua attività cameristica e discografica con incisioni per varie etichette.

Primo Corno Solista dell’Orchestra di Santa Cecilia, della Lucerne Festival Orchestra e dell’Orchestra Mozart, Alessio Allegrini ha iniziato la sua carriera a soli 22 anni quando Riccardo Muti lo volle come Primo Corno alla Scala. Nella sua fortunata carriera è stato chiamato più volte a ricoprire il ruolo di Primo Corno ospite nelle più importanti compagini orchestrali del panorama internazionale come i Berliner Philharmoniker, la New York Philharmonic, la Mahler Chamber Orchestra e la Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks. Docente al Conservatorio della Svizzera Italiana, tiene masterclass alla Royal Academy of Music e al Royal College di Londra. Negli ultimi anni Allegrini ha ampliato i suoi orizzonti musicali con la direzione d’orchestra e ha intensificato in suo impegno nel sociale attraverso il movimento “Musicians for Human Rights” che lui stesso ha fondato nel 2009.

Il concerto inizia alle ore 20,45. I biglietti si possono acquistare alla sede della Società del Quartetto (0444-543729), al botteghino del Comunale (0444 324442) e online (www.tcvi.it). Tutte le altre info sul sito.