Statua della Madonna rubata a Valdastico. Pretto (Lega): gesto irrispettoso e deplorevole, auspico venga restituita quanto prima

431
Statua della Madonna rubata a Valdastico
Statua della Madonna rubata a Valdastico

Nella notte tra il 25 e il 26 dicembre è stata rubata la statua della Madonna col bambino collocata nel capitello votivo ubicato lungo la Strada Provinciale 350, fra le frazioni di Pedescala e Forni, nel territorio comunale di Valdastico. Un manufatto molto caro alla popolazione locale, restaurato l’anno scorso grazie al lavoro di Alpini e volontari. Desidero esprimere con fermezza la mia condanna per questo gesto vile e irrispettoso, compiuto peraltro in occasione delle Festività Natalizie”: lo dichiara il deputato vicentino della Lega Erik Pretto, a seguito del furto avvenuto nella notte tra il 25 e il 26 dicembre.

Erik Pretto, deputato vicentino della Lega,
Erik Pretto, deputato vicentino della Lega,

“La statua della Madonna col bambino – aggiunge Erik Pretto che negli anni ha approfondito i temi legati all’identità e alla tradizione del territorio, fino a pubblicare un libro interamente in lingua veneta dal titolo “La storia de Joanìn sensa paura” , oltre a rappresentare un importante simbolo di fede per i credenti, è parte integrante del patrimonio culturale e storico che ha plasmato le nostre comunità. Questo atto ferisce tutti noi, colpendo i valori fondamentali su cui si basa la nostra società. Auspico quindi che gli autori di questo gesto deplorevole possano avere un sussulto di coscienza, restituendo o facendo ritrovare quanto prima la statua rubata nella sua integrità”.

Statua della Madonna prima del furto a Valdastico
Statua della Madonna prima del furto a Valdastico

Qui altre notizie sull’on. Erik Pretto.