Spazio Hub Vicenza, terza edizione del progetto dedicato all’auto imprenditorialità per under 35

304

Dopo il successo delle due edizioni precedenti, Comune e Confartigianato Imprese Vicenza hanno sottoscritto il protocollo d’intesa che sancisce la terza edizione per Spazio Hub Vicenza, acceleratore d’impresa dedicato agli under 35.

A lanciare l’edizione in partenza a gennaio sono stati, questa mattina a Palazzo Trissino, l’assessore alle politiche giovanili Leonardo Nicolai, Alberto Facchin, presidente provinciale del Movimento Giovani di Confartigianato Vicenza, Emiliano Vettore, presidente Comunale di Vicenza, Cristian Farinea, responsabile del progetto. Presenti anche Andrea Conficoni che ha seguito la parte progettuale di Spazio Hub e Cristel Isabel Marcon, una delle partecipanti dell’edizione 2023.

«Il lavoro è un aspetto fondamentale nelle politiche giovanili – afferma l’assessore alle politiche giovanili Leonardo Nicolai -. Siamo in un’epoca dove i percorsi formativi e di crescita sono sempre meno chiari e guidati, cosa che spinge spesso i giovani in un’ansia generalizzata e un conseguente timore nel mettersi in gioco. Oggi sempre più ragazzi e ragazze fanno fatica infatti a dar corpo alle loro ambizioni e idee: progetti come Spazio Hub servono proprio ad aiutare passo dopo passo la concretizzazione dei possibili progetti d’impresa degli under 35».

«Siamo partiti con questa iniziativa ormai otto anni fa da Thiene, anche in quel caso in collaborazione con alcuni Comuni dell’alto vicentino, e prima ancora nel trevigiano – ricorda Alberto Facchin, presidente provinciale del Movimento Giovani di Confartigianato Vicenza -. Come Movimento Giovani Imprenditori siamo ben lieti di sostenere la diffusione della cultura dell’autoimprenditorialità tra i giovani, che significa non solo mettersi in proprio ma anche portare entusiasmo e creatività nelle imprese già avviate. Quello della carenza delle competenze, e dei giovani qualificati, è un tema che si sta proponendo a tutto il mondo produttivo con una certa urgenza e preoccupazione. A maggior ragione nel tessuto artigianale, dove è la persona a fare la differenza, sapere che ci sono giovani disposti a mettersi in gioco non può che essere accolto con positività».

Come si legge nel protocollo, infatti, l’obiettivo di Spazio Hub è “l’orientamento e il sostegno all’imprenditorialità e all’autoimprenditorialità” coinvolgendo giovani fino ai 35 anni, per un massimo di 15 partecipanti, attraverso lo sviluppo di azioni di orientamento, accompagnamento e facilitazione. Nelle due passate edizioni alla selezione sono state presentate circa 100 domande, di cui una trentina quelle accolte. In entrambi i casi le proposte toccavano settori diversi, dalla comunicazione allo sport fino all’arte, a dimostrazione di una vivacità di idee e iniziative. Tra i partecipanti nei due anni passati, sette hanno avviato un’attività in proprio, mentre altri hanno messo a disposizione quanto acquisito in alcune realtà imprenditoriali in attesa di avviare il proprio progetto.

«Volendo realmente sostenere chi si avvia lungo il cammino dell’imprenditorialità pur trovando in tutte le proposte elementi interessanti e creativi, la scelta va verso quelle idee che possono trovare un reale sbocco, dopo un’adeguata formazione – aggiunge Emiliano Vettore, presidente comunale di Confartigianato Vicenza -. Chi non è passato al primo tentativo comunque non deve scoraggiarsi, magari va affinato solo qualche aspetto della proposta. Già il fatto di avere un’idea, farne un progetto e volersi impegnare nella sua realizzazione è un risultato non da poco. Come Associazione, e società in generale, abbiamo il dovere di educare i giovani non solo al sacrificio ma anche al fatto che a volte si può sbagliare e non c’è nulla di male. Al contrario dagli errori può nascere qualcosa di positivo: voglia di rivalsa e di miglioramento. Ne sono esempio molti imprenditori oggi affermarti».

Le fasi del progetto

Come per le precedenti edizioni, anche quella che avrà inizio a gennaio del 2024 prevede alcuni step: promozione e diffusione dell’iniziativa; individuazione e selezione dei partecipanti (per candidature: info@spaziohub.com); laboratori di orientamento (il 16, 20 e 23 gennaio al polo B55) e di accompagnamento poi, per finire con lo sviluppo della propria idea imprenditoriale approfondendo motivazioni, competenze, strategie e sostenibilità economica.

I partecipanti potranno contare sul supporto di Comune e Confartigianato nell’intercettare tutte le misure economiche previste per giovani imprenditori e nuove imprese messe a disposizione da vari soggetti istituzionali e non.

Spazio Hub si riconferma quindi un percorso che vuol mettere nelle migliori condizioni possibili i giovani per collocarsi con maggiore consapevolezza sia nello sviluppo e nella valorizzazione delle proprie competenze spendibili sul mercato del lavoro (automprenditorialità), sia nella definizione di progetti imprenditoriali.

A fornire consulenze e portare avanti il progetto è dePlan che, insieme ai professionisti di Confartigianato Imprese Vicenza, proporrà attività in cui si valorizza il lavoro di gruppo e il cooperative learning, evitando approcci frontali e limitando al massimo la logica esperto-utente. I consulenti di Confartigianato e dePlan garantiscono, quindi, ai partecipanti metodi e strumenti per il progetto d’impresa attraverso il confronto e l’interazione in gruppo: il tutto per avere un elevato grado di efficienza ed efficacia.

 

——
Fonte: Terza edizione per Spazio Hub, progetto dedicato all’autoimprenditorialità per under 35 , Comune di Vicenza

Qui tutti i comunicati ufficiali del Comune di Vicenza