La campagna elettorale per le comunali 2023 si è aperta con “Think! Il pensiero diventa città“, la convention del Centrodestra promossa dal sindaco Francesco Rucco e dalla sua civica Idea Vicenza, che è stata ospitata in Sala Palladio della Fiera di Vicenza con la presenza di 700 spettatori a stiparla completamente.

L’obbiettivo dell’evento era quello di fornire idee per un progetto della Vicenza del futuro, idee provenienti non dalla politica ma dalla società civile attraverso testimonial, non solo vicentini, in grado di estrapolare dalle proprie competenze delle prospettive applicabili alla città del prossimo decennio.

Se questo era l’obbiettivo affidato ai relatori la parte più interessante e significativa di “Think!” è stata, e forse non poteva essere diversamente, quella finale, riservata alle conclusioni del sindaco che, con uno speech più da Steve Jobs che da politico o amministratore pubblico, ha spaziato su una serie di temi caratterizzanti la sua visione della città prossima futura arrivando a lanciare sei sfide che, se vinte, dovrebbero portare Vicenza a un ruolo più consono e motivare chi l’ha lasciata o non ha mai pensato di viverci a tornarne o diventarne cittadino.

Alcune delle dieci testimonianze, partiamo da qualche non completa assonanza, sono risultate meno interessanti e centrate forse perché alcuni ospiti hanno dato l’impressione di conoscere poco la città, come si è evinto dalla visione di Vicenza incentrata sul Palladio come quasi unico denominatore comune e, di conseguenza, dalla genericità delle proposte.

Si potrebbe, però, dire che da oggi la conoscono un po’ di più e anche questo potrebbe essere un punto a favore di Think! e di chi ha ideato e organizzato il complesso evento.

Fuori tema è stato soprattutto l’intervento di Luca Rigoldi, pugile vicentino campione d’Europa categoria Supergallo, che, sia pure intervistato con maestria dalla giornalista  Mediaset Alessandra Viero (conduttrice dell’evento), non ha fornito alcun contributo al tema importantissimo dello sport vicentino, limitandosi a riferire delle proprie esperienze sportive. In particolare “il pugilato è la metafora della vita” è sembrata una affermazione stonata e, soprattutto, forzata.

All’opposto è risultato significativo lo speech di Christian Greco, direttore del Museo Egizio di Torino e curatore della mostra “I creatori dell’Egitto eterno. Scribi, artigiani e operai al servizio del faraone”, che sarà allestita in Basilica Palladiana a Vicenza dal 22 dicembre 2022 al 7 maggio 2023. Apparso in video, l’egittologo e manager culturale di Arzignano ha messo in parallelo le caratteristiche del museo del futuro con quelle della Vicenza prossima, che dovrà essere aperta al mondo grazie alle tecnologie.

Interessante anche l’intervento del sociologo valdagnese Luca Romano che ha illustrato con alcune slide i cambiamenti demografici dell’ultimo ventennio, lo spopolamento della città verso comuni contermini, l’invecchiamento della popolazione del capoluogo e le previsioni Istat sul calo della stessa. “Ci vuole la consapevolezza di un forte tessuto comunitario” è stata l’indicazione di Romano.

All’imprenditore e sportivo vicentino Luigi Battistolli la conduttrice ha proposto il tema della possibilità di coniugare sport e impresa. “Lucky” (questo il soprannome di Battistolli come pilota di rally), ha spiegato come sia riuscito a tenere insieme le due esperienze diventando un imprenditore di successo che sostiene lo sport come sponsor di molte squadre della città.

L’unica donna presente nel panel dei relatori è stata Eleonora Poletto, imprenditrice nel sociale, che ha affrontato il problema degli anziani, che anche per Vicenza è centrale e lo sarà ancor di più nel futuro. Le sue proposte sono stata quella di modificare l’alternativa fra assistenza domiciliare e residenziale, creando una forma ibrida fra le due, e quella che le case di riposo si aprano alla comunità.

Alcuni giornalisti non vicentini hanno dato prospettive diverse sul futuro di Vicenza. Giovanni Maria Iacobazzi del Dubbio, parlando di sicurezza, ha auspicato maggiori poteri per i sindaci per ridare ai cittadini fiducia nelle istituzioni. Pietrangelo Buttafuoco, giornalista scrittore conduttore televisivo e opinionista, ha puntato sulla consapevolezza della vicentinità come leva di crescita. Alessandro Giuli, neo presidente del MAXXI, il Museo dell’Arte romano, oltre che giornalista e saggista, ha asserito – forse un po’ ottimisticamente – che Vicenza si comunica bene da sola al mondo per quello che è e che rappresenta.

Luigi De Gregorio dell’Università Luiss ha tenuto una breve lezione di politologia evidenziando che, in città come Vicenza, il peso elettorale delle liste civiche è crescente e proporzionalmente superiore che nelle grandi città.

Per il tema dei giovani, infine, è stato proiettato un video su Vicenza città universitaria e sulle prossime iniziative logistiche e di servizi a favore degli studenti che frequentano le facoltà che hanno sede nel capoluogo.

Se, come era nell’intento dei puntuali organizzatori della kermesse, l’invito è a ripensare Vicenza senza dimenticarne le radici, ma aprendone le prospettive a un mondo più largo, “Think! Il pensiero diventa città” da oggi apre la discussione e il confronto.

Articolo precedenteEnrico Letta, l’on. “vicentino” del Pd: dedica ai berici 22% intervista al GdV…. E su Possamai sindaco 58% più che su TAV
Articolo successivoHockey in line, Diavoli Vicenza: netta vittoria 12-1 col Cittadella
Gianni Poggi risiede e lavora come avvocato a Vicenza. È iscritto all’Ordine dei giornalisti come pubblicista. Le sue principali esperienze giornalistiche sono nel settore radiotelevisivo. È stato il primo redattore della emittente televisiva vicentina TVA Vicenza, con cui ha lavorato per news e speciali ideando e producendo programmi sportivi come le telecronache delle partite nei campionati del Lanerossi Vicenza di Paolo Rossi, i dopo partita ed il talk show «Assist». Come produttore di programmi e giornalista sportivo ha collaborato con televisioni locali (Tva Vicenza, TeleAltoVeneto), radio nazionali (Radio Capital) e locali (Radio Star, Radio Vicenza International, Rca). Ha scritto di sport e di politica per media nazionali e locali ed ha gestito l’ufficio stampa di manifestazioni ed eventi anche internazionali. È stato autore, produttore e conduttore di «Uno contro uno» talk show con i grandi vicentini della cultura, dell’industria, dello spettacolo, delle professioni e dello sport trasmesso da TVA Vicenza. Ha collaborato con la testata on line Vvox per cui curava la rubrica settimanale di sport «Zero tituli». Nel 2014 ha pubblicato «Dante e Renzo» (Cierre Editore), dvd contenente le video interviste esclusive a Dante Caneva e Renzo Ghiotto, due “piccoli maestri” del libro omonimo di Luigi Meneghello. Nel 2017 ha pubblicato per Athesis/Il Giornale di Vicenza il documentario «Vicenza una favola Real» che racconta la storia del Lanerossi Vicenza di Paolo Rossi e G.B. Fabbri, distribuito in 30.000 copie con il quotidiano. Nel 2018 ha pubblicato il libro «Da Nobile Provinciale a Nobile Decaduta» (Ronzani Editore) sul fallimento del Vicenza Calcio e «No Dal Molin – La sfida americana» (Ronzani Editore), libro e documentario sulla storia del Movimento No Dal Molin. Nel 2019 ha pubblicato per Athesis/Il Giornale di Vicenza e Videomedia il documentario «Magico Vicenza, Re di Coppe» sul Vicenza di Pieraldo Dalle Carbonare e Francesco Guidolin che ha vinto nel 1997 la Coppa Italia. Dal 9 settembre è la "firma" della rubrica BiancoRosso per il network ViPiù, di cui cura anche rubriche di cultura e storia.