Fissa un punto importante il Tribunale di Padova nel processo celebratosi oggi 17 giugno 2022 avanti la dott.ssa Sara Ballarin, nei confronti dell'ex consulente finanziario rodigino, C.G. imputato per abusivismo e truffa e radiato dalla Consob dall'albo unico dei consulenti finanziari per tali fatti nel 2017, grazie alla segnalazione presentata nell'interesse delle persone offese dall'avv. Anna Lorenzi del Foro di Padova e delegata Adusbef Veneto.I fatti - come ci riferisce l'avv. Marilena Bertocco, anch'essa delegata dell'associazione di consumatori e nostra collaboratrice per le cronache del Processo d'appello BPVi - risalgono al 2012 e si protraggono fino al 2015.

È solo allora che - continua a riferirci l'avv. Bertocco con la sua collega Lorenzi - B.F. noto professionista padovano, poi deceduto nel 2018, scopriva che, a sua insaputa, il predetto consulente gestiva i suoi risparmi utilizzando la piattaforma di trading on line della Saxo Bank sa, banca danese depositaria con filiale anche a Milano, offrendo fuori sede servizi di investimento cosiddetti Forex (speculazioni, cioè, sulle negoziazioni di valute estere) della società svizzera Eurotrend Investment sa, non autorizzata sul territorio italiano.

Ed ecco che il Tribunale di Padova oggi ha imposto la partecipazione al processo proprio di Saxo Bank quale terzo civilmente responsabile a seguito di accoglimento della richiesta della parte civile costituitasi nelle persone dei figli di B.F. proprio con l'avv. Marilena Bertocco del Foro di Padova, confermando la tesi rappresentata da quest'ultima per cui la banca depositaria può essere chiamata in causa a titolo di responsabilità oggettiva e solidale per i fatti di cui al capo di imputazione. Infatti, dopo una schermaglia tra i rispettivi difensori sulla richiesta di estromissione presentata dal legale di Saxo Bank, in merito al titolo di responsabilità per cui quest'ultima sarebbe chiamata a rispondere per i danni causati anche dalla perdita dei risparmi investiti, il giudice patavino apre, così, la via a questo nuovo filone.La pronuncia del Tribunale di Padova, commentano Bertocco e Lorenzi - costituisce, quindi, un possibile precedente per gli investitori che potranno coinvolgere gli operatori professionali, i cosiddetti "Forex broker", che mettono a disposizione le piattaforme di trading on line affinché siano chiamati a rispondere per il posssibile volatilizzarsi delle somme investite nella eventuale "mala gestio" su tale, tanto dinamico quanto rischioso. mercato.

La chiamata in causa della Saxo Bank sa, da cui attendiamo eventuali commenti già chiesti, non costituisce, va detto, al momento alcuna pronuncia di responsabilità nei suoi confronti ma solo un suo coinvolgimento nel processo.

Sei arrivato fin qui?

Se sei qui è chiaro che apprezzi il nostro giornalismo, che, però, richiede tempo e denaro. Se vuoi continuare a leggere questo articolo e per un anno tutti i contenuti PREMIUM e le Newsletter online puoi farlo al prezzo di un caffè, una birra o una pizza al mese.

Grazie, Giovanni Coviello

Sei già registrato? Clicca qui per accedere

Articolo precedente“Luce dei tuoi occhi”, proseguono le riprese della fiction
Articolo successivoGiornata internazionale della lotta alla desertificazione e alla siccità: le preoccupazioni di Romano Pesavento, presidente CNDDU
Giovanni Coviello (nato l'8-12-1950) è il direttore responsabile di ViPiu.it, nata come testata cartacea VicenzaPiù il 25 febbraio 2006, poi cresciuta dal 2008 con la sua versione web, che ha integralmente sostituito quella cartacea dal 1° gennaio 2016, e che, da due anni, ha assunto la denominazione attuale, non connotata geograficamente, a significare che il quotidiano web indipendente si occupa di notizie e approfondimenti su Veneto (focus Vicenza), Nord est in genere, Lazio con focus su Roma istituzionale e storica, Riviera di Ulisse e Monti Aurunci, Italia e uno sguardo su Europa e mondo. Dopo un'iniziale esperienza da ingegnere elettronico come ricercatore volontario universitario a Roma (1976) e il servizio militare in Marina Militare come ufficiale di complemento (Accademia di Livorno, 1976-78) ha maturato varie esperienze di vertice, nazionali e internazionali, nel settore dell'informatica (1978-1993), ha ricoperto cariche in Confindustria Roma e Apindustria Vicenza, quindi si è occupato di marketing e gestione sportiva di vertice (volley femminile di A1 a Roma e Vicenza) anche da vice presidente della Lega di Pallavolo Femminile di serie A, è stato direttore editoriale di un inserto di marketing internazionale su Pc Week (Mondadori Informatica), collaboratore di Espansione (Mondadori), per poi concentrarsi direttamente dal 2008 sulle edizioni giornalistiche. È giornalista professionista, ha curato vari libri e pubblicato direttamente, tra questi, “Vicenza. La città sbancata”, “BPVi. Bugie Popolari Vicentine”, “BPVi. Risparmiatori ingannati. L’azione di (ir)responsabiltà”, “Roi, la fondazione demolita”.