ULSS 8 Berica, 9 nuovi medici assunti: saranno impiegati negli ospedali di Vicenza, Arzignano, Lonigo e Montecchio Maggiore

257
Medici in azione
Medici in azione

L’ULSS 8 Berica continua a potenziare gli organici, con particolare attenzione al personale sanitario. Nella recente seduta di delibere del 23 maggio, il Direttore Generale Patrizia Simionato ha firmato l’assunzione di 9 nuovi medici: 4 per l’Oncologia, 1 per la Pediatria, 1 per la Cardiologia, 2 per Ostetricia e Ginecologia e 1 per Malattie Infettive.

In dettaglio, i due cardiologi supporteranno le attività assistenziali, sia ambulatoriali che di ricovero, e lo screening del Dipartimento Cardiovascolare nelle sedi ospedaliere di Vicenza, Arzignano e Lonigo.

Analogamente, i 4 nuovi oncologi lavoreranno principalmente presso l’ospedale di Vicenza, ma presteranno servizio anche nella sede di Montecchio Maggiore.

Il Dipartimento Materno Infantile viene rafforzato con due medici in Ostetricia e Ginecologia e un nuovo specializzando in Pediatria, mentre l’organico di Malattie Infettive si arricchisce di un medico a tempo indeterminato.

Parallelamente, l’ULSS 8 Berica rafforza la medicina territoriale trasformando tre incarichi temporanei in definitivi per Medici di Medicina Generale nei comuni di Arcugnano, Trissino e Vicenza.

«Il potenziamento degli organici, soprattutto nell’area sanitaria, è una priorità – sottolinea la dott.ssa Patrizia Simionato – per garantire una presa in carico migliore e ridurre le liste di attesa. Queste assunzioni dimostrano come la nostra Azienda sia attrattiva per i giovani specialisti, confermando l’elevata reputazione costruita nel tempo. Parlo di Azienda e non dei singoli ospedali, perché vogliamo creare sinergie sempre più strette tra le varie strutture, con Vicenza come hub. Questo obiettivo si realizza anche facendo sì che i giovani medici facciano esperienza in più ospedali, conoscano le diverse realtà aziendali e collaborino con i colleghi delle altre strutture. Andiamo verso un’azienda sempre più integrata tra ospedali e tra ospedale e territorio».