Una città italiana, più di altre, ha vissuto una forte rivalutazione col passare del tempo, mutando radicalmente il proprio DNA e diventando estremamente attrattiva anche dal punto di vista turistico. Stiamo parlando, per quanto ovvio, di Milano, storica capitale economica del Belpaese, centro nevralgico del business italiano e crocevia dei più importanti affari del nostro paese, grazie anche alla presenza della “Borsa Valori”.

Ma se un tempo era percepita, perlomeno dagli occhi di chi viveva lontano dal capoluogo lombardo, come una località poco allettante dal punto di vista turistico, oggi la città meneghina risulta estremamente attraente anche per trascorrere un fine settimana all’insegna della cultura e arte, senza tralasciare l’aspetto “ludico” che Milano, sin dai primi anni ‘80, ha sempre offerto a turisti e residenti.

Il centro di Milano: cosa non perdersi

La “Milano da bere”, quella dove trascorrere serata all’insegna della spensieratezza accompagnati da ragazze e escort Milano di ineludibile fascino, è viva e ancor più presente ai giorni d’oggi, grazie alla capillare presenza di locali alla moda siti nel capoluogo lombardo, molti dei quali  nella bellissima zona dei Navigli, autentico punto di riferimento della movida di tutta l’Italia Settentrionale.

Per vivere meglio la “Milano by night”, però, è necessario assaporare profondamente tutte le straordinarie beltà offerte della “Milano by day”, davvero ricche e variegate ed in grado di soddisfare le esigenze dei turisti che si recano nel capoluogo lombardo anche solo per un vivere un rilassante fine settimana. Partiamo dall’offerta culturale ed artistica, che ha reso Milano un “polo di riferimento” per gli amanti del genere.

Il luogo simbolo del capoluogo è il Duomo di Milano, con l’intramontabile “Madunina, tuta d’ora e piscinina” che svetta e vigila sulla città. Un posto a dir poco incantevole, in grado di lasciare a bocca aperta per la propria straordinaria magnificenza, grazie anche a mirate e costanti opere manutentive che, nel corso degli anni, hanno contribuito a mantenere intatto il fascino e l’eleganza. Una maestosità che è certificata anche da alcuni numeri, come le 40000 persone che può ospitare al proprio interno che ne fanno la quarta chiesa più grande al mondo.

Il Duomo è la perla principale del centro storico, che consente ai turisti di poter godere di altre bellezze artistiche di primaria bellezza. A fianco del principale luogo di culto meneghino, ad esempio, ci si può perdere nello splendore della Galleria di Vittorio Emanuele, dove spiccano i negozi di lusso dei negozi più trendy e alla moda ed è possibile assaporare le prelibatezze culinarie locale ed internazionali nei numerosi e prestigiosi ristoranti presenti. Ma a renderla unica è il pavimento a mosaico, al punto dall’essere definita come il “salotto di Milano”.

Arte e cultura, non plus ultra della città di Milano

Un altro luogo sacro per i milanesi, ammirato ed invidiato a qualsiasi latitudine, è il “Teatro della Scala”, tempio della musica classica, dove un direttore d’orchestra può consacrarsi definitivamente oppure vedere la propria carriera indissolubilmente stroncata. La data del 7 dicembre, giorno in cui cade Sant’Ambrogio, patrono della città, va in scena la “Prima della Scala”, l’evento più prestigioso del panorama nazionale italiano.

Un altro luogo suggestivo che non deve mancare nella “tre giorni milanese”, è senza alcun dubbio il Castello Sforzesco. Nato sulle ceneri di una vecchia fortificazione per espressa volontà di Francesco Sforza, è uno dei più grandi castelli presenti nel nostro continente, nonostante sia situato nel centro cittadino.

Per gli amanti dell’arte, infine, non può mancare una capatina in zona Brera, dove è collocata una delle pinacoteche più prestigiose a livello europeo. Una zona che richiama, in alcuni suoi aspetti, la capitale della Francia, al punto da essere ribattezzata “Piccola Parigi”, un luogo dove arte, magia e cultura diventano un tutt’uno.