Usa, i Repubblicani hanno conquistato la maggioranza della Camera dei Rappresentati

636
repubblicani

I repubblicani statunitensi hanno perso il Senato, ma anche se per uno scarto limitato hanno conquistato la maggioranza della Camera dei Rappresentanti.

Adesso, Biden si trova a dover affrontare nuove sfide per portare avanti la sua agenda globale, dal momento che è diventato plausibile che la vittoria dei repubblicani rafforzerà lo scetticismo del Congresso sul sostegno degli Stati Uniti all’Ucraina, rinnoverà l’esame della posizione dell’America all’estero e avvierà indagini polarizzanti sulla gestione dell’Afghanistan e dell’immigrazione.

L’incidente avvenuto questa settimana in Polonia ha preannunciato i dibattiti futuri: una parte del Partito Repubblicano ha chiesto di porre fine al sostegno degli Stati Uniti. Gli aiuti per la sicurezza al Paese hanno raggiunto i 18 miliardi di dollari dall’invasione russa del 24 febbraio, la più grande somma annuale mai versata dalla fine della Guerra Fredda.

Secondo gli analisti, queste pressioni saranno attenuate sia dalle divisioni repubblicane sul tema della guerra sia dall’ampia autorità del Presidente in materia di affari esteri.

Richard Haass, presidente del Council on Foreign Relations, ha affermato che un accordo bipartisan su alcune questioni, tra cui il desiderio di assumere una posizione da falco nei confronti della Cina, attenuerebbe l’impatto su Biden dell’ascesa dei repubblicani alle elezioni.

Parlando la scorsa settimana del risultato migliore del previsto dei democratici alle urne, Biden ha spiegato di sperare di poter collaborare con i repubblicani in materia di affari esteri, promettendo di invitare i leader del Congresso di entrambi i partiti alla Casa Bianca dopo il suo viaggio in Asia e in Medio Oriente per discutere su come far progredire insieme la sicurezza e la prosperità degli Stati Uniti. “Sono aperto a qualsiasi buona idea”, ha detto.

Fonte: The Vision