Vicenza Summer Festival. Il Comune propone una rassegna di cinque settimane di spettacoli nei giardini di Santa Corona e dell’Olimpico

L'assessore alla Cultura Simona Siotto: "Il giardino di Santa Corona è uno dei luoghi sconosciuti della città da valorizzare"

Vicenza Summer Festival
La presentazione di Vicenza Summer Festival nel giardino del Tempio di Santa Corona

Cinque settimane di spettacoli, dal 29 giugno al 31 luglio: è il Vicenza Summer Festival, organizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Vicenza con la direzione artistica dell’attore-regista Piergiorgio Piccoli.

La rassegna è stata presentata nel corso di una conferenza stampa ambientata nel giardino del Tempio di Santa Corona, che sarà uno dei due scenari in cui gli spettacoli del Festival si svolgeranno.

“Mai prima – ha precisato l’assessore Simona Siotto – il giardino di Santa Corona è stato utilizzato in questo modo. È importante fare cultura in un luogo come questo perché è un angolo della città non conosciuto e da valorizzare e, come questo, ce ne sono molti altri.”

Il secondo scenario sarà un altro giardino, quello del Teatro Olimpico, che, invece, non è nuovo come luogo di spettacolo e ospiterà fra l’altro, dal 14 al 17 luglio, i quattro concerti estivi di Vicenza Jazz.

“Prima di definire il calendario del Vicenza Summer Festival – ha spiegato Piccoli – ci siamo preoccupati di coordinarci con le altre rassegne già in programma, al fine di evitare interferenze. Siamo così riusciti a inserire una iniziativa culturale che mancava e cioè un Festival estivo organizzato dal Comune nel centro della città, con un programma leggero e con un prezzo del biglietto accessibile.”

Il tabellone è stato composto con spettacoli di compagnie e artisti esterni insieme a quelle di realtà locali. I generi sono diversi perché ci saranno prosa e cabaret, narrazione e teatro musicale, circo e jazz con appuntamenti settimanali, dal giovedì alla domenica. L’organizzazione sarà di Theama Teatro, storica compagnia cittadina, che si avvarrà della collaborazione tecnica di Sia Idee.

L’allestimento all’interno del giardino del Tempio di Santa Corona prevede l’installazione di un palco sul lato est e di una platea con trecentocinquanta posti, tutti a sedere. L’ingresso sarà dal cancello che dà su contrà Santa Corona. Tutti gli spettacoli cominceranno alle 21 e 15 e, nel caso di maltempo, saranno trasferiti al Teatro Spazio Bixio (dal giardino dell’Olimpico) e al Teatro San Marco (da quello di Santa Corona).

La prevendita on line comincerà all’inizio di giugno, contemporaneamente con l’apertura del sito e delle pagine social del Vicenza Summer Festival. Prezzi popolari per i biglietti: interi a 12 euro, ridotti (under 25 e Vi-University Card) a 7.

Lo spettacolo inaugurale, mercoledì 29 giugno all’Olimpico, è “The ages of the man” con Maximilian Nisi e Piergiorgio Piccoli, un recital “secondo William Shakespeare” accompagnato dalle musiche di Stefano De Meo. Il 1° luglio primo spettacolo a Santa Corona con la U.S. Band (ben nota per le numerose apparizioni televisive) e Chiara Luppi, che saranno protagonisti di una serata musicale che spazierà dal rhythm and blues alle cover pop e rock degli anni Ottanta e Novanta. Il giorno dopo Giulio Casale riproporrà “Polli di allevamento”, un classico di Giorgio Gaber con gli arrangiamenti originali di Franco Battiato e Giusto Pio.

Tra gli altri appuntamenti in cartellone c’è quello di sabato 9 luglio con Sergio Sgrilli, artista del cast di Zelig, con il suo spettacolo “Stasera cabaret!” e quello del 23 luglio con la The Pozzoli’s Family ne “La grande fuga”, racconto comico della vita quotidiana della famiglia di Gianmarco Pozzoli, della moglie Alice Mangione e dei loro figli Giosuè e Olivia.

Il 29 a Santa Corona, l’attrice vicentina Anna Zago riproporrà il suo monologo “Clitennestra – i morsi della rabbia” e, il giorno dopo, l’attore televisivo e teatrale Giulio Scarpati sarà in scena con la trasposizione teatrale di “Paesaggio con ombre” insieme a Nora Venturini, regista e sceneggiatrice nonché autrice del romanzo giallo da cui è tratto lo spettacolo.

Chiuderà la rassegna, domenica 31 luglio nel giardino di Santa Corona, “Tipi” recital comico-antropologico di cui sarà protagonista Roberto Ciufoli (ex Premiata Ditta) che ne è anche coautore.

Vicenza Summer Festival ha come sponsor principale Agsm Aim e cosponsor Centro Andriolo. Detto Ascensori e Loison Pasticceri.

Gianni Poggi risiede e lavora a Vicenza. È iscritto all’Ordine dei giornalisti. Le sue principali esperienze giornalistiche sono nel settore radiotelevisivo. È stato il primo redattore della emittente televisiva vicentina TVA Vicenza, con cui ha lavorato per news e speciali ideando e producendo programmi sportivi come le telecronache delle partite nei campionati del Lanerossi Vicenza di Paolo Rossi, i dopo partita ed il talk show «Assist». Come produttore di programmi e giornalista sportivo ha collaborato con televisioni locali (Tva Vicenza, TeleAltoVeneto), radio nazionali (Radio Capital) e locali (Radio Star, Radio Vicenza International, Rca). Ha scritto di sport e di politica per media nazionali e locali ed ha gestito l’ufficio stampa di manifestazioni ed eventi anche internazionali. È stato autore, produttore e conduttore di «Uno contro uno» talk show con i grandi vicentini della cultura, dell’industria, dello spettacolo, delle professioni e dello sport trasmesso da TVA Vicenza. Ha collaborato con la testata on line Vvox per cui curava la rubrica settimanale di sport «Zero tituli». Nel 2014 ha pubblicato «Dante e Renzo» (Cierre Editore), dvd contenente le video interviste esclusive a Dante Caneva e Renzo Ghiotto, due “piccoli maestri” del libro omonimo di Luigi Meneghello. Nel 2017 ha pubblicato per Athesis/Il Giornale di Vicenza il documentario «Vicenza una favola Real» che racconta la storia del Lanerossi Vicenza di Paolo Rossi e G.B. Fabbri, distribuito in 30.000 copie con il quotidiano. Nel 2018 ha pubblicato il libro «Da Nobile Provinciale a Nobile Decaduta» (Ronzani Editore) sul fallimento del Vicenza Calcio e «No Dal Molin – La sfida americana» (Ronzani Editore), libro e documentario sulla storia del Movimento No Dal Molin. Nel 2019 ha pubblicato per Athesis/Il Giornale di Vicenza e Videomedia il documentario «Magico Vicenza, Re di Coppe» sul Vicenza di Pieraldo Dalle Carbonare e Francesco Guidolin che ha vinto nel 1997 la Coppa Italia.