Villa Cordellina Lombardi: la Provincia cerca partner per gestirla e valorizzarla al meglio

211
Villa Cordellina Lombardi a Montecchio Maggiore
Villa Cordellina Lombardi a Montecchio Maggiore

AAA gestore cercasi: la Provincia di Vicenza ha pubblicato un avviso per raccogliere proposte di valorizzazione per villa Cordellina Lombardi a Montecchio Maggiore, di cui è proprietaria dal 1966.

Il complesso di villa Cordellina Lombardi visto dal cancello
Il complesso di villa Cordellina Lombardi visto dal cancello

Il complesso architettonico settecentesco è stato ceduto all’amministrazione provinciale da Anna Maria Lombardi e da allora è stato oggetto di importanti investimenti per la sua manutenzione e valorizzazione.

Del resto la villa è uno dei siti più belli, completi e significativi del Veneto, vanta un salone interamente affrescato da Giambattista Tiepolo, e per questo la Provincia ne ha fatto la propria sede di rappresentanza, ricevendo qui presidenti e ambasciatori di tutto il mondo.

I magnifici affreschi di villa Cordellina Lombardi
I magnifici affreschi di villa Cordellina Lombardi

Perché dunque questo avviso? Perché è il momento di fare ancora qualcosa in più, spiega il presidente della provincia Andrea Nardin, per aprire la villa ad una maggiore fruizione da parte della collettività, migliorandone l’attrattività turistica e la visibilità. “Villa Cordellina – continua Nardin – è un bene collettivo ed è fondamentale che i vicentini, e non solo, la vivano. Altrettanto fondamentale è che i costi del suo mantenimento non gravino esclusivamente sul bilancio provinciale, per questo la apriamo anche ad una destinazione economica, sempre nel rispetto della sua storia e dello scrigno d’arte che rappresenta.”

L’avviso si rivolge a singoli, società, associazioni, fondazioni, raggruppamenti temporanei di imprese anche costituendi: chiunque abbia un’idea per vivacizzare il complesso immobiliare di villa Cordellina può presentarla alla Provincia, compilando il modulo pubblicato sul sito internet istituzionale.

A titolo d’esempio, può trattarsi di manifestazioni culturali, organizzazione di conferenze ed eventi, aperture al pubblico, visite guidate, gestione biglietteria e bookshop, bar caffetteria, servizio custodia/guardiania, gestione del sito. C’è una foresteria con 6 piccoli appartamenti che può diventare un bed&breakfast. C’è una cantina con ghiacciaia perfetta per ospitare degustazioni enogastronomiche. Due appartamenti nobiliari, dove hanno dormito i presidenti della Repubblica Luigi Einaudi, Antonio Segni, Giovanni Leone e Francesco Cossiga, potrebbero essere messi a disposizione per chi vuole provare l’emozione di soggiornare in una villa settecentesca.

Spazio alla fantasia, con un vincolo non da poco: l’intero complesso è vincolato quale bene culturale di particolare pregio (D.Lgs. 22/01/2004 n. 42 Codice dei beni culturali e del paesaggio) e le proposte che perverranno da parte degli operatori economici potrebbero avere la necessità di un’autorizzazione preventiva della Sopraintendenza competente.

Naturalmente villa Cordellina rimane non solo nella proprietà, ma anche nella disponibilità della Provincia, che si riserva alcuni utilizzi gratuiti all’anno per eventi e iniziative di carattere istituzionale, oltre all’utilizzo per riprese video promozionali e per visite guidate istituzionali. Il termine per la presentazione delle proposte è il 19 aprile.

A seguire, tutti coloro che avranno aderito all’avviso saranno invitati ad un confronto tecnico dove potranno esporre la loro idea di valorizzazione del complesso.

La Provincia valuterà la soluzione migliore scegliendo la procedura da seguire.

——
Fonte: Villa Cordellina Lombardi: la Provincia cerca partner per la gestione e la valorizzazione del complesso settecentesco , Provincia di Vicenza

Qui tutti i comunicati ufficiali della Provincia di Vicenza