Un viaggio indimenticabile passa dalla scelta di una meta in grado di fornire al viaggiatore un’esperienza inedita, totalmente diversa dalle altre e piena di avventura! Poche nazioni del mondo riescono ad includere la possibilità di ideare e attuare itinerari che vadano ad esplorare un quantitativo considerevole di paesaggi, gite turistiche immerse nella natura e nelle tradizioni locali nonché visite a diversi musei: una di esse è senza dubbio il Marocco.

Quali sono 5 consigli da sapere prima di partire alla scoperta di questa affascinante nazione nordafricana?

  1. Avvalersi di più mezzi di trasporto

Per girare il Marocco in un weekend, diventa indispensabile l’impiego di più di un mezzo di trasporto; tuttavia, il metodo per spostarsi per eccellenza rimane l’auto, la quale permette di arrivare in località minori e raggiungibili solamente mediante un veicolo.

Fortunatamente, il noleggio auto in Marocco è molto conveniente e facile da stipulare, anche grazie all’urbanistica nazionale intricata ma al contempo abbastanza efficiente.

Tuttavia, una valida alternativa all’utilizzo dell’auto è il taxi, disponibile sotto forma di petit taxi, usato per gli spostamenti urbani, e di grand taxi, valido per trasporti extraurbani.

Le tariffe sono sostenibili ma potrebbero riservare alcune sorpresine, pertanto è sempre meglio prestare attenzione.

  1. Scegliere il clima giusto

Affinché il viaggio risulti essere comodo e interessante, è importante selezionare accuratamente il periodo giusto per recarsi in Marocco.

Tale scelta, però, dipende molto dalla tipologia di viaggio che si intende affrontare: ad esempio, se si ha intenzione di visitare il centro della nazione, come Marrakech e l’Alto Atlante, il periodo consigliato è il lasso di tempo che intercorre tra marzo e giugno o tra settembre e novembre.

Più generalmente, i mesi da novembre a marzo sono quelli maggiormente colpiti da aumenti di hotel e voli, pertanto è sempre meglio evitarli.

  1. Selezionare il punto di partenza del tour

Il Marocco è una nazione molto vasta: pertanto, se si ha intenzione di trascorrerci solamente un weekend, è di fondamentale importanza ottimizzare il tempo scegliendo come tappa numero 1 una località principale della nazione, come Casablanca o Marrakech, aeroporti che ospitano diversi voli provenienti dall’Italia.

Iniziare e concludere i propri itinerari in queste due città è sempre un’ottima scelta per non sprecare il proprio prezioso tempo.

  1. Sottoscrivere un’assicurazione viaggio

Prima di partire, potrebbe rivelarsi una scelta saggia quella di sottoscrivere una buona assicurazione che rimborsi le spese già sostenute, come quelle di soggiorno o del volo, in caso di annullamento viaggio per qualsivoglia motivazione.

D’altronde, si sa che prevenire è meglio di curare: pertanto, spendere una piccola cifra per cautelarsi da eventuali annullamenti è sempre un ottimo metodo per non perdere i propri fondi monetari già investiti.

Parallelamente a ciò, anche un’assicurazione sanitaria viaggio è fondamentale, affinché le spese per eventuali incidenti o problemi di salute improvvisi vengano coperte.

  1. Assicurarsi di visitare le principali mete turistiche

Stabilire un elenco che riguardi il cosa vedere in Marocco è abbastanza arduo; tuttavia, i propri itinerari devono toccare località assolutamente da visitare nel weekend prefissato.

Ad esempio, oltre a Casablanca e Marrakech, sono da vedere anche le cittadine di Fès e Meknès, i villaggi di Tafraoute e di Moulay Idriss, le località costiere di Agadir o Tangeri, il deserto di Erg Chigaga, così come i Monti del Rif, le Gole del Todra o le Cascate di Ouzoud, percorsi naturalistici da non perdere!