40 veneti candidati al Comune e ai Municipi di Roma: il più giovane è il 28enne Alessandro Porra, il meno giovane il 76enne Giulio Dalle Molle

589
Candidati del Veneto al Comune di Roma
Candidati del Veneto al Comune di Roma

Per il Comune di Roma e per i suoi quindici Municipi corrono candidati nati in tutte le regioni italiane, ad esclusione della sola Valle d’Aosta. Dominano i meridionali, quasi mille in tutto: il gruppo più nutrito è quello dei 340 campani (110 per il Comune, 230 per i Municipi), seguito da 216 calabresi (62 per il Campidoglio e 154 per i Municipi) e 183 pugliesi (40 e 143). Quindi 126 siciliani (37 e 89), 52 lucani (10 per il Campidoglio) e 16 molisani. Particolarmente presenti anche gli abruzzesi: sono 97 tra Comune e Municipi. I sardi sono 40.

Piazza del Campidoglio (Roma)
Piazza del Campidoglio (Roma)

Ad effettuare il mini-censimento, estrapolando i dati, è stata l’associazione culturale “Forche Caudine”, lo storico circolo dei molisani a Roma, che pubblica le schede riferite a tutte le regioni sul proprio sito (www.forchecaudine.com). Per le altre regioni, 94 sono coloro che sono nati in Lombardia, 82 toscani, 50 piemontesi, 49 emiliano-romagnoli, 40 veneti, 39 marchigiani, 39 umbri, 33 liguri e 22 friulani. Infine quattro in rappresentanza del Trentino-Alto Adige.

Veneto
Veneto

Per il Veneto la provincia più rappresentata è Verona con undici candidati, seguita da Padova con nove, quindi Venezia con sette, Rovigo e Vicenza con cinque, chiudono Belluno con due e Treviso con uno. Il candidato veneto più giovane per i Municipi romani è Alessandro Porra, 28 anni, nato a Venezia, quello meno giovane è Lino Bordin di Pianiga, 73 anni. Per la corsa al Campidoglio, invece, la candidata più giovane è Francesca Palermo di Negrar, 33 anni, mentre il meno giovane in corsa per il Campidoglio è Giulio Dalle Molle di Valli del Pasubio, 76 anni.

Infine in netta crescita, rispetto alle precedenti amministrative, coloro che sono nati all’estero:sono oltre trecento, con i romeni quale gruppo più numeroso. “Un quadro che rispecchia le dinamiche sociali in atto nella capitale e, in fondo, in tutta Italia – commenta Giampiero Castellotti, presidente dell’associazione culturale.

Tutti i dati qui https: //www.forchecaudine.com/https-www-forchecaudine-com-curiosita-candida=ti-al-comune-di-roma-quasi-2-000-i-non-romani-in-testa-campani-e-calabresi/