Agenti della Polfer aggrediti a Vicenza: arrestato un marocchino

265
agenti polfer aggrediti vicenza

Un cittadino marocchino di 24 anni è stato arrestato dalla Polfer di Vicenza dopo aver aggredito alcuni agenti. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine, è stato arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

L’episodio è avvenuto nella notte tra il 14 e il 15 giugno 2024. Gli agenti della Polfer sono intervenuti a bordo del treno EN 235, in arrivo alla stazione di Vicenza, dopo la segnalazione di un uomo che stava creando problemi al personale di servizio.

All’arrivo del treno, gli agenti hanno trovato l’uomo addormentato in uno scompartimento. Al tentativo di farlo scendere, si è rifiutato di seguire le istruzioni e ha colpito un agente con un calcio. Poi, probabilmente simulando, è caduto in un sonno profondissimo, permettendo al personale in servizio di portarlo di peso giù dal treno.

In seguito, il soggetto ha dimostrato maggiore calma ed ha acconsentito ad entrare negli uffici della sezione Polfer di Vicenza per gli adempimenti del caso salvo poi tentare la fuga approfittando di un intervento urgente che ha richiesto l’uscita degli agenti.

Mentre tentava si sfondare la porta degli uffici, altri agenti hanno tentato di immobilizzarlo, ma l’uomo si è dimenato violentemente ha morsicato, scalciato e colpito i poliziotti. Due agenti sono rimasti feriti e hanno dovuto recarsi in ospedale. Infine, con l’ausilio di altre pattuglie, il marocchino è stato finalmente bloccato e arrestato.

Il processo per direttissima è stato rinviato al 15 novembre. Nel frattempo, il giudice ha convalidato l’arresto e ha disposto l’obbligo di firma tre volte a settimana per il giovane, che è stato anche sottoposto a un provvedimento di espulsione.