Pubblichiamo un intervento sull’alimentazione di Mark Maslin ripresa da Aduc. “Il cibo che consumiamo ha un impatto enorme sul nostro pianeta. L’agricoltura occupa metà della terra abitabile sulla Terra, distrugge foreste e altri ecosistemi e produce un quarto delle emissioni mondiali di gas serra. La carne e i latticini rappresentano in particolare circa il 14,5% delle emissioni globali di gas serra.

Quindi cambiare ciò che mangiamo può aiutare a ridurre le emissioni di carbonio e promuovere un’agricoltura sostenibile. Ma ci sono diverse diete “amiche del clima” tra cui scegliere. Le più conosciute sono la dieta vegana completamente vegetale, la dieta vegetariana, che consente anche uova e latticini, e la dieta pescetaria, che consente anche i frutti di mare.

Esistono anche diete “flessibili”, in cui tre quarti della carne e dei latticini vengono sostituiti da alimenti a base vegetale, o la dieta mediterranea che consente quantità moderate di pollame, maiale, agnello e manzo. Decidere quale dieta scegliere non è così semplice come ci si potrebbe aspettare.

Cominciamo con una nuova moda: la dieta climatica. Una versione è stata creata dall’organizzazione no-profit Climates Network, che afferma che questa dieta è sana, rispettosa del clima e rispettosa della natura. Secondo la pubblicità “con un semplice cambio di dieta puoi risparmiare una tonnellata di CO2 equivalenti per persona all’anno” (“equivalenti” significa semplicemente che il metano e altri gas serra vengono presi in considerazione insieme all’anidride carbonica).

Sembra fantastico, ma la dieta ti consente comunque di mangiare carne e altri alimenti ad alte emissioni come carne di maiale, pollame, pesce, latticini e uova. Quindi questa è solo una versione più recente della dieta del “carnivoro climatico”, tranne per il fatto che i seguaci sono incoraggiati a sostituire quanta più carne rossa possibile (manzo, agnello, maiale, vitello e cervo) con altre carni e pesci.

La dieta, tuttavia, incoraggia a ridurre la carne in generale e a scegliere, ove possibile, carne locale e ad alto benessere, evitando gli sprechi alimentari e scegliendo cibi locali di stagione.

Quindi risparmiare una tonnellata di anidride carbonica è fantastico, ma passare al vegetarianismo o al veganismo può risparmiare ancora di più. Una dieta a base di carne standard occidentale produce circa 7,2 chilogrammi di CO2 equivalente al giorno, mentre una dieta vegetariana produce 3,8 kg e una dieta vegana 2,9 kg. Se il mondo intero diventasse vegano, risparmierebbe quasi 8 miliardi di tonnellate di CO2 e mentre anche il passaggio alla dieta mediterranea farebbe risparmiare 3 miliardi di tonnellate. Si tratta di un risparmio compreso tra il 60% e il 20% di tutte le emissioni alimentari, che attualmente sono pari a 13,7 miliardi di tonnellate di CO2 e all’anno.

Acqua e uso del suolo
Per salvare il nostro pianeta, dobbiamo anche considerare l’uso dell’acqua e del suolo. La carne di manzo, ad esempio, ha bisogno di circa 15.000 litri di acqua per chilo.

Alcuni cibi vegetariani o vegani come avocado e mandorle hanno anche un’enorme impronta idrica, ma nel complesso una dieta a base vegetale ha circa la metà del consumo di acqua di una dieta standard a base di carne.
Un allontanamento globale dalla carne libererebbe anche un’enorme quantità di terra, dal momento che miliardi di animali non dovrebbero più essere nutriti. La soia, ad esempio, è una delle colture più comuni al mondo, eppure quasi l’80% dei semi di soia del mondo viene somministrato al bestiame.

La ridotta necessità di terreni agricoli aiuterebbe a fermare la deforestazione e contribuirebbe a proteggere la biodiversità. Il terreno potrebbe anche essere utilizzato per rimboschire e riforestare vaste aree che diventerebbero una riserva naturale di anidride carbonica.

(Per lo più) più sano
Anche una dieta a base vegetale è generalmente più sana. La carne, in particolare quella altamente lavorata, è stata collegata a una serie di gravi problemi di salute tra cui ipertensione, malattie cardiache e cancro.

Tuttavia, carne, latticini e pesce sono le principali fonti di alcune vitamine e minerali essenziali come calcio, zinco, iodio e vitamina B12. Una dieta vegana rigorosa può mettere le persone a rischio di carenze a meno che non possano avere accesso a cibi particolari o assumere integratori. Eppure sia gli alimenti specializzati che gli integratori sono troppo costosi per molte persone in tutto il mondo e sarebbe difficile aumentare la produzione di integratori per fornire miliardi di persone in più.

Quindi un approccio climatico o flessibile significa che ci sono meno rischi per la salute e consente anche alle persone di esercitare ancora la scelta. Uno studio suggerisce che il passaggio a una dieta globale a base vegetale potrebbe ridurre la mortalità globale fino al 10% entro il 2050.

Nove animali per persona all’anno
Una delle questioni che sembra mancare in molte discussioni sul cibo è la dimensione etica. Ogni anno macelliamo 69 miliardi di polli, 1,5 miliardi di maiali, 0,65 miliardi di tacchini, 0,57 miliardi di pecore, 0,45 miliardi di capre e 0,3 miliardi di bovini. Si tratta di oltre nove animali uccisi per ogni persona sul pianeta all’anno, tutti per nutrizione e proteine … che sappiamo possono provenire da una dieta a base vegetale.


Quindi qual è la dieta globale ideale per ridurre le emissioni di gas serra, ridurre la distruzione dell’habitat e aiutarti a vivere più a lungo? Bene, suggerisco di essere un “ultra-flessibile” – una dieta composta principalmente da cibi vegetali ma che consente carne e latticini con estrema moderazione, ma la carne rossa e lavorata è completamente bandita. Ciò consentirebbe di risparmiare almeno 5,5 miliardi di tonnellate di CO2 equivalente all’anno (40% di tutte le emissioni alimentari), ridurre la mortalità globale del 10% e prevenire la macellazione di miliardi di animali innocenti”.

(Mark Maslin -Professor of Earth System Science, UCL , su The Conversation del 12/08/2022)

CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA

——
Fonte: Quale alimentazione aiuterà a salvare il nostro Pianeta: climatica, flessibile, vegetariana o vegana?

Qui tutti i comunicati ufficiali di ADUC