Appalti, Finanza al Comune di Vicenza. CorVeneto: indagato il dirigente ingegner Giovanni Fichera che risponde di turbativa d’asta

5671
Giovanni Fichera, dirigente comunale abituato ai cantieri, con occhiali alla Tom Cruise di Top gun, stavolta controlla la miscelazione dei cocktail (Foto e didascalia La Piazza Web)
Giovanni Fichera, dirigente comunale abituato ai cantieri, con occhiali alla Tom Cruise di Top gun, stavolta controlla la miscelazione dei cocktail (Foto e didascalia La Piazza Web)

Da anni le mura di palazzo Trissino facevano fatica a tenere al loro interno voci sul “discusso” comportamento di Giovanni Fichera, ingegnere di Acireale in provincia di Catania, dove è nato il 29 luglio 1969, voci che ora sono diventate notizie su indagini da parte della Guardia di Finanza di Vicenza (qui e qui altre operazioni delle Fiamme Gialle, ndr) che, sulla base di un esposto di un vicentino, ieri si è recata in Comune e presso la sua abitazione per acquisire documentazione su varie gare di appalto in cui, secondo l’esposto, avrebbe compiuto azioni penalmente rilevanti anche se, è opportuno precisarlo, ora si è solo nella fase di indagine.

Dopo iniziali esperienze di tipo professionale (in uno studio della cittadina catanese in cui ha anche insegnato) e scientifico (al CNR di Messina) Giovanni Fichera (qui il suo curriculum vitae) è approdato al Comune di Vicenza con un’assunzione a tempo indeterminato (settore Strade e viabilità) rimanendovi dal 23.12.1996 al 13.04.1997 in qualità di Istruttore Tecnico prima di tornare in Sicilia brevemente a Catania dover era stato assunto a tempo indeterminato presso la provincia regionale della città dal 14.04.1997 al 30.09.1997. Dal 1° ottobre 1997 l’ingegnere di Acireale torna definitivamente, a livello lavorativo, al Comune di Vicenza in qualità di Ingegnere Funzionario Capo Ufficio Tecnico, passando gradualmente dal Dipartimento Lavori Pubblici dal 1.9.2000 sino al 14.04.2004 (ufficio Progettazioni Strade – Mobilità – Ambiente), al Dipartimento Sviluppo del Territorio dal 15.04.2004 al 12.07.2004 (Settore Mobilità, Trasporti e Infrastrutture Stradali fino al Dipartimento Lavori Pubblici con posizione Organizzativa dal 13.07.2004 al 15.06.2008 (Settore Edilizia Pubblica, ex Settore Progettazioni e Direzione Lavori, con funzioni di coordinamento dell’Ufficio Progettazioni e Direzione Lavori – Verde Pubblico, Impianti Sportivi, Edilizia Cimiteriale – e contestualmente dell’Ufficio Progettazioni e Direzione
Lavori (Infrastrutture stradali) del Dipartimento Sviluppo del Territorio – Settore Mobilità, Trasporti e Infrastrutture Stradali).

Dal 2008 al 2013, ossia durante la prima giunta guidata da Achille Variati, è stato «promosso» dirigente a tempo determinato del settore Lavori pubblici e Grandi opere. Incarico confermato anche durante la giunta di centrodestra targata Francesco Rucco, come riferisce Il Corriere del Veneto di oggi, nella sua edizione vicentina, da cui riprendiamo di seguito l’articolo con l’operazione investigativa della Guardia di Finanza di Vicenza su di lui e su un altro gruppo di indagati.


Appalti, Finanza a Palazzo Trissino indagato un dirigente del Comune 

L’ingeger Fichera risponde di turbativa d’asta. Perquisita anche la sua abitazione

Di Rebecca Luisetto e Federico Murzo, da Il Corriere del Veneto Vicenza-Bassano

Vicenza Gare d’appalto e affidamenti sotto la lente d’ingrandimento della guardia di finanza, che ieri mattina ha bussato alle porte di Palazzo Uffici e a Palazzo Trissino, nei locali del settore dei Lavori pubblici e in quello del Personale, acquisendo un’ampia documentazione considerata utile all’inchiesta.

Il «là» all’indagine, da quanto è stato possibile ricostruire, sarebbe stato dato da un esposto non recente ma molto dettagliato da parte di un imprenditore depositato alla guardia di finanza. Un documento, ancora, conosciuto in diversi ambienti. Le fiamme gialle si sono presentate negli uffici comunali su mandato del sostituto procuratore Cristina Carunchio che si sta occupando della vicenda.

L’ipotesi di reato, per ora, si limiterebbe alla turbativa d’asta. Quando e in quali modalità questa sia avvenuta è ancora capitolo di accertamento. Le bocche degli inquirenti sono cucite. Ciò che emerge è che gli investigatori stanno approfondendo la posizione del dirigente del settore Lavori pubblici e grandi opere Giovanni Fichera, 54 anni tra pochi giorni, difeso dall’avvocato Fernando Cogolato. Al momento Fichera, la cui abitazione è stata perquisita ieri, non risulterebbe essere l’unico indagato in una vicenda i cui contorni gli investigatori stanno cercando di ricostruire. Tentativi per un commento da parte del manager comunale, ieri, sono risultati infruttuosi.

Le indagini della procura si concentrano sulla puntigliosa verifica di tutte le gare di appalto e sugli affidamenti che hanno avuto come responsabile unico del procedimento proprio Fichera che nei prossimi giorni avrà modo di difendere il proprio operato. Nel mirino degli investigatori, che ne stanno controllando la correttezza, una ventina tra gare e affidamenti. 

Fichera, una laurea in ingegneria alle spalle, dirigente di lungo corso, è approdato a Vicenza nel 1997 dalla provincia di Catania, nella quale aveva già maturato esperienza professionale negli enti pubblici. Dal 1997 al 2008 è stato è stato impiegato in Comune di Vicenza nella funzione di ingegnere funzionario capo ufficio tecnico. Dal 2008 al 2013, ossia durante la prima giunta guidata da Achille Variati, è stato «promosso» dirigente a tempo determinato del settore Lavori pubblici e Grandi opere. Incarico confermato anche durante la giunta di centrodestra targata Francesco Rucco. 

Sull’episodio né il sindaco Giacomo Possamai né il precedente inquilino di Palazzo Trissino, Rucco, hanno rilasciato commenti.

Di Rebecca Luisetto e Federico Murzo, da Il Corriere del Veneto Vicenza-Bassano