Basta violenza sulle donne: “Fiaccolata per Giulia” e altre iniziative a Vicenza

317
Basta violenza sulle donne

Il Comune di Vicenza scende in campo per dire “basta” alla violenza sulle donne. Lo farà stasera con la “Fiaccolata per Giulia”, promossa con Donna chiama donna, che gestisce il Centro antiviolenza comunale, e l’associazione italiana Donne medico. Per ricordare Giulia Cecchettin si partirà sabato 25 novembre 2023, alle 19, da Campo Marzo per proseguire poi in corso Palladio e arrivare in piazza dei Signori.

Per tenere alta l’attenzione e per allargare più possibile il numero dei partecipanti, ieri, martedì 21 novembre 2023, il Consiglio comunale di Vicenza ha rivolto un appello alla cittadinanza, sottoscritto trasversalmente da tutti i consiglieri comunali (leggi qui).

Sono numerose, inoltre, le iniziative per dire Basta violenza sulle donne previste per la Giornata internazionale contro la violenza di genere di sabato 25 novembre, parte del programma dall’emblematico titolo “Basta”, in corso per tutto questo mese, promosso dall’assessorato alle pari opportunità in collaborazione con la Consulta comunale per le politiche di genere.

Dalle 10 alle 18 in piazza San Lorenzo verrà realizzato il mandala composto da fiori a maglia e uncinetto nell’ambito di “Fleurs… ed io avrò cura di te” a cura dell’associazione Come un incantesimo. Il progetto punta alla raccolta di fondi da destinare all’associazione Donna Chiama Donna per l’allestimento di una stanza di accoglienza per donne e minori nella Questura di Vicenza.

Alle 15.30 partirà da Campo Marzo e arriverà in piazza San Lorenzo la marcia silenziosa, appuntamento annuale contro la violenza sulle donne a cura dell’associazione italiana Donne medico.

Sempre in piazza San Lorenzo dalle 9 alle 12 sarà presente il punto informativo della campagna della Polizia di Stato “Questo non è amore”, mentre alle 11 si terrà il flash mob del Coordinamento donne Cgil “Quanti generi di violenza?”.

“Mai più – preghiera ecumenica per l’eliminazione della violenza contro le donne” si terrà nella chiesa di San Lorenzo alle 19 a cura dell’Associazione Centro Documentazione e Studi Presenza Donna.

Il 25 novembre, inoltre, alle Gallerie d’Italia a Palazzo Montanari l’ingresso e la visita guidata “Donne d’altri tempi”, in programma alle 15, saranno gratuiti.

Alle 10 al cinema Odeon verrà proiettato il film “Il popolo delle donne” di Yuri Ancarani con Marina Valcarenghi. Seguirà un incontro pubblico.

Al cinema teatro di Sandrigo, alle 20.30, M.O.I.C.A Vicenza – Donne attive proporrà lo spettacolo “Fertili emisferi: donne e uomini tra musica e poesia”.

Il programma di eventi non si limita al 25 novembre.

Il 24 novembre alle 18, al centro congressi di Confartigianato, due esperte toccheranno il tema della violenza verbale con l’evento “Attento a come parli!”, mentre alle 19 all’istituto Rossi andrà in scena lo spettacolo “Voci contro il silenzio” a cura del Soroptimist International Club Vicenza. Il ricavato verrà devoluto all’Associazione Donna Chiama Donna per l’allestimento di una stanza di accoglienza per donne e minori nella Questura di Vicenza.

Dal 20 novembre è disponibile il percorso di lettura della Biblioteca Bertoliana “#permelaviolenzaè secondo Michela Murgia” con dépliant nelle sedi della biblioteca e una vetrina tematica a Palazzo San Giacomo.

Al Pala Altair 1963 il 26 novembre, dalle 9 alle 13, ci sarà l’evento fitness a favore del progetto “Valigia di Caterina” dal titolo “Women Power & Friends” a cura dell’associazione Maestro Asd. Il 28 novembre alle 18 appuntamento alla Cisl Vicenza per l’approfondimento “Continuando Elisa Salerno: donne e società Tra femminile e maschile, la ricerca di equilibrio per tessere relazioni di pace”. Il 29 novembre dalle 9.30 alle 12.30 all’hotel Tiepolo, Uil Veneto salute e sicurezza organizza la tavola rotonda dal titolo “Come prevenire la violenza di genere nei posti di lavoro”. Il 29 novembre alle 17.30 a Palazzo Trissino la quinta commissione consiliare tratterà il tema del linguaggio inclusivo. Infine, a Creazzo Arci darà avvio al progetto che si svolgerà per tutto l’anno “Eva è tutti noi, Insieme oltre il pregiudizio”.

Il programma completo è disponibile sul sito del Comune.