Cardiologia ad Arzignano, in ospedale una nuova tecnologia per il trattamento delle aritimie cardiache

315
Cardiologia Arzignano

La Cardiologia dell’ospedale di Arzignano ha introdotto un nuovo strumento per la cura delle aritmie cardiache, mai utilizzato prima nel Vicentino: si tratta di un sofisticato sistema che consente di effettuare una mappatura 3D del cuore estremamente accurata, attraverso la quale è possibile identificare il punto esatto in cui ha origine l’anomalia della frequenza cardiaca e quindi intervenire mediante ablazione. 

Il dispositivo si compone di un catetere che viene inserito attraverso la vena femorale fino all’atrio cardiaco di destra: da lì si entra nell’atrio di sinistra, dove si ramifica in 8 bracci sui quali si trovano ben 48 elettrodi che registrano i segnali elettrici interni. In questo modo il circuito che innesca l’aritmia può essere identificato con la massima precisione, trovando velocemente le zone bersaglio dell’ablazione. Il tutto, con una maggiore sicurezza per il paziente. 

La nuova metodica in uso al reparto di Cardiologia di Arzignano rappresenta la più recente acquisizione scientifica a livello internazionale in un ambito, quello degli interventi di ablazione, che è sempre in via di maggiore sviluppo, capace di migliorare la vita di molti pazienti, come quelli affetti appunto da fibrillazione atriale.

Alla Cardiologia di Arzignano l’ablazione è una procedura ormai ben consolidata, con circa 250 trattamenti già eseguiti a partire dal 2020, precisano dalla direzione sanitaria.