Caso Apache La Russa: dove sono i vecchi censori?

1391
Leonardo Apache La Russa, 19 anni, figlio del presidente del Senato Ignazio La Russa
Leonardo Apache La Russa, 19 anni, figlio del presidente del Senato Ignazio La Russa

ll figlio di Ignazio La Russa, Apache, viene indagato per violenza sessuale nei confronti di una 22enne che, questo il racconto della ragazza, sarebbe stata drogata in un locale e poi stuprata nell’abitazione del giovane.

La Russa padre difende il figlio. Solleva dubbi sul racconto della ragazza, che avrebbe aspettato troppo tempo prima di denunciare (40 giorni) e che avrebbe, per sua stessa ammissione, assunto cocaina prima della serata.
Parole che ricordano parecchio il video postato da Beppe Grillo nel 2021, quando a finire nei guai per una vicenda simile era stato il figlio Ciro.
Un video senz’altro inopportuno, che aveva imbarazzato il M5S e scatenato gli esponenti del restante arco costituzionale, come mastini davanti ad una bistecca al sangue.
Salvini sbottava: “parole disgustose, mette su banco imputati vittima di stupro“.
Laura Ravetto (Forza Italia, poi PDL, adesso Lega), tuonava alla Camera: “Una donna deve sempre dare il consenso espresso e trovare il coraggio di denunciare anche dopo mesi e nessuno può mettere in discussione questo principio. Neanche Grillo!”
Critica, ma più contenuta, Giorgia Meloni:Il video di Grillo mi ha colpito e anche il modo in cui ha minimizzato su un tema pesante come quello della presunta violenza sessuale”.
 
E Grillo manco ricopriva incarichi istituzionali. Non era deputato, non era senatore o ministro, non era più nemmeno il capo politico del M5S. Cosa diranno adesso questi censori dei comportamenti altrui al loro Presidente del Senato, seconda carica dello Stato? Dato per scontato che non sentiremo i vecchi ruggiti, c’è solo da chiedersi se saranno più i pigolii o i belati…
 
Comunque, tra Del Mastro rinviato a giudizio, Santanchè indagata per falso in bilancio e bancarotta fraudolenta, le uscite di La Russa, una settimana peggiore non poteva esserci per la povera Giorgia. Ed il peggio è che ieri era solo venerdì.