Controlli Questura Vicenza, nessuna criticità dopo ennesima spaccata notturna. Riflessioni sulla questione sicurezza

283
controlli questura vicenza

Una giornata “tranquilla” in termini di criminalità, spaccio e immigrazione quella trascorsa ieri a Vicenza all’esito dei controlli svolti dalla Questura. Nel report relativo alle attività predisposte dal questore in merito alla giornata di mercoledì 5 giugno 2024 nessun arresto o intervento di qualsivoglia natura, ma solo controlli di veicoli e identificazione di soggetti.

Controlli presumibilmente intensificati ieri mattina dalla questura dopo che alle 4 della notte precedente a Vicenza si è verificato un nuovo episodio di “spaccata”, questa volta a danno di una pasticceria di viale Trieste. Come riporta Il Giornale di Vicenza due ladri, ripresi dalle telecamere, hanno rubato circa 100 euro e per farlo hanno provocato danni ben superiori forzando la porta di un dehors e la vetrata di ingresso e portando via il registratore di cassa.

Dei controlli partiti ieri mattina sono state interessate le principali zone cittadine oggetto di segnalazioni ed esposti: Campo Marzo, le piazze del centro storico, Corso SS Felice e Fortunato, Viale San Lazzaro e zone limitrofe, molti quartieri dei settori Ovest ed Est della città.

Come di consueto ai controlli hanno collaborato la Questura di Vicenza, la Polizia Ferroviaria e la Polizia Stradale, il Reparto Prevenzione Crimine di Padova, i Comandi Provinciali dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, quest’ultima con il contributo dell’unità cinofila antidroga, e la Polizia Locale di Vicenza.

“Particolare attenzione – spiega la questura – è stata prestata ad alcuni bar ed esercizi pubblici oggetto di segnalazione ed esposti da parte del Comune e di residenti nelle zone limitrofe. La Questura sta approfondendo la situazione relativa al soggiorno in Italia di alcune persone identificate”.

Queste ultime, complessivamente, sono state 85, di cui 32 stranieri e 19 con precedenti penali o di Polizia. Controllati, inoltre, 23 veicoli e 6 eserciti pubblici, bar e sale scommesse.

L’impegno delle forze dell’ordine, coordinate dal questore, certo non manca ma appaiono ancora insufficienti, scontrandosi con una perdurante carenza di personale praticamente in ogni Corpo.

L’amministrazione comunale – è bene chiarire, viste le polemiche insistenti sulla questione “sicurezza a Vicenza” – non è competente per l’ordine pubblico, se non limitatamente alla gestione di alcuni aspetti della Polizia locale.

Anche alla luce di queste considerazioni va riletta la polemica sulla sicurezza a Vicenza, a volte sostenuta da equivoci sul “chi deve fare cosa” e che appena ieri ha fatto registrate un nuovo capitolo, con le considerazioni in merito di Idea Vicenza, alle quali avevamo dato spazio su queste pagine.