Cuore Pedemontana: presentato il progetto di marketing turistico dell’Unione Montana Astico

Sei i comuni coinvolti, con una serie di iniziative per far conoscere meglio questo territorio tra collina e montagna

Cuore Pedemontana con Malinverni, Gasparini, Panozzzo e Cazzola
Cuore Pedemontana con Malinverni, Gasparini, Panozzzo e Cazzola

Una giornata splendida con i colori dell’autunno ha ospitato nel Colle di Lonedo di Lugo di Vicenza i rappresentanti dei comuni, i giornalisti e gli stakeholders per il primo evento del progetto Cuore Pedemontana. Lo scenario di villa Godi Malinverni e villa Piovene, con il paesaggio aperto dalle Pedemontana ai Colli Euganei non poteva essere location migliore per raccontare un nuovo progetto di marketing turistico (qui la presentazione, tutte le foto della conferenza stampa, i materiali presentati e le foto dei 6 comuni coinvolti, ndr).

Esperienze turistiche tra vigne, ville, boschi e malghe: questo il progetto di marketing turistico dell’Unione Montana Astico finanziato grazie ai fondi GAL Montagna Vicentina – Regione Veneto, che vede il coordinamento dell’organizzazione turistica OGD Pedemontana Veneta e Colli, presentato ieri nel salone d’onore di Villa Godi Malinverni, con gli interventi della stampa e le istituzioni locali.

Cuore Pedemontana mira a promuovere e valorizzare il patrimonio rurale del territorio nelle sue componenti storiche, culturali ed economiche. Un’area fra pianura e montagna che presenta numerose peculiarità, che coinvolge circa 20 mila abitanti tra i sei comuni dell’Unione: Breganze, Caltrano, Calvene, Lugo di Vicenza, Fara Vicentino e Salcedo.

La volontà di valorizzare ed esaltare il territorio ed i suoi prodotti tipici è legata non solo alla consapevolezza della qualità intrinseca di tali prodotti, ma anche alla attuale riscoperta delle tradizioni locali, è questo uno dei messaggi dell’influecer Stefano Cantiero che ha ripercorso l’esperienza della sua App Ti Porto io.

Cuore Pedemontana vuole diventare un “brand territoriale” per comunicare un sistema generale di cui si vuole promuovere l’autenticità e la tipicità, un territorio concentrato di elementi unici: natura, escursionismo, sport, cultura, borghi storici, antiche chiesette, musei, ville Venete e testimonianze della Grande Guerra, tutti elementi di un certo rilievo sul piano della potenziale offerta turistica e attrattiva.

Diverse le azioni di promozione già messe in campo, come la partecipazione a fiere di settore (TTB di Rimini e BOT di Milano), degli educational tour con giornalisti affinchè possano conoscere meglio il territorio e la sua ricca offerta, l’organizzazione di eventi nei comuni facenti parte dell’Unione Montana, tutte esperienze turistiche tra vigne, ville, boschi e malghe, all’insegna della genuinità, dello sport, del turismo “lento”, con l’obiettivo di incentivare la ricettività turistica del territorio.

Per Gianantonio Gasparini, presidente dell’Unione Montana Astico nonché Sindaco di Salcedo, questo progetto potrà fare la differenza sia a livello di riconoscibilità dei comuni coinvolti sia per rilanciare il turismo, dopo il periodo difficile che abbiamo affrontato.

Il sindaco di Lugo Loris Dalla Costa ha ricordato l’eccezionalità e il valore riconosciuto anche dall’Unesco del Colle di Lonedo inserito in un paesaggio di valore mondiale.

Il presidente GAL montagna vicentina Dino Panozzo ha ringraziato l’Unione montana Astico per queste iniziative di assoluto valore che si inserisce nell’ambito dei progetti di valorizzazione  del territorio di competenza.

Nicolas Cazzola presidente dell’OGD Pedemontana Veneta e Colli ha concluso ricordando l’importante ruolo delle strutture turistico-ricettive e la volontà di veicolare questo progetto con esperienze turistiche originali e creative che saranno la novità principale di Cuore Pedemontana.