Almeno diciotto bambini sono morti in un incendio che ha ucciso dozzine di fedeli riuniti per la messa di domenica mattina in una chiesa a Giza, al Cairo. Il bilancio è di 41 morti e 14 feriti, ha affermato la Chiesa copta egiziana in una nota, citando funzionari sanitari.

I documenti dell’ospedale mostrano che i bambini avevano dai 5 ai 13 anni. L’incendio è scoppiato intorno alle 9:00 ora locale a causa di un guasto elettrico in un condizionatore d’aria al secondo piano della chiesa. La ragione per cui sono morti così tanti bambini è che nell’edificio c’era un asilo nido.

La comunità e le chiese copte egiziane sono state storicamente bersaglio di violenze e attacchi di matrice religiosa, con persecuzioni e discriminazioni in aumento dal rovesciamento del regime di Hosni Mubarak nel 2011.

Infatti, i copti si lamentano da tempo di essere vittime di disparità di trattamento sulla base della loro religione. Un aspetto di tale discriminazione sono le restrizioni del governo sulla costruzione, ristrutturazione e riparazione delle chiese nel Paese in gran parte musulmano.

Queste restrizioni hanno lasciato molti degli edifici in rovina e li hanno resi pericolosi. Dopo l’incendio di domenica, il presidente Abdel Fattah al-Sisi ha annunciato i pagamenti per le famiglie delle vittime e ha inviato l’esercito a riparare la chiesa.

Il primo ministro Mostafa Madbouly ha dichiarato domenica che le famiglie delle vittime riceveranno pagamenti per un valore di circa 5.000 dollari per ogni persona uccisa e circa 1.000 dollari per ogni ferito.

Fonte: The Vision