Emergenza Medici di base Veneto: “Impugnando le proposte che la Regione del Veneto aveva formulato per tamponare una situazione divenuta nel tempo insostenibile, questo governo dimissionario ha dimostrato tutta la sua distanza dalla realtà e dai problemi concreti dei cittadini italiani”.

Così il consigliere regionale Enoch Soranzo del Gruppo ‘Fratelli d’Italia – Giorgia Meloni’, componente della Quinta Commissione Sanità ed estensore nei giorni scorsi nel Cittadellese dell’iniziativa territoriale ‘SOS MEDICI DI BASE’ nell’Alta Padovana, commentando l’impugnazione da parte del dimissionario governo Draghi della Legge veneta sugli specializzandi in corsia e al fianco dei medici di famiglia.

“Questo colpo di coda è l’ultimo atto scellerato di un esecutivo fuori dal mondo, che non ha saputo dare risposte ai problemi della sanità italiana causati da una storica miopia nella programmazione nazionale dei percorsi a numero chiuso delle specializzazioni sanitarie. Anche e pure di fronte all’intraprendenza delle Regioni che avevano scelto di intervenire autonomamente a tutela della qualità del servizio reso all’utenza – continua il consigliere -, hanno preferito la strada delle barricate e dei no alla sperimentazione volta al superamento delle strutturali carenze di organico”.

 “Fortunatamente la parola ritornerà agli italiani, e l’auspicio ora è che dalle urne possa emergere un governo politico, autorevole perché eletto dal popolo, coeso su un programma che metta al centro della propria agenda i veri problemi e le priorità degli italiani. Fratelli d’Italia ed il centrodestra unito sono pronti a salire al governo di questa Nazione, dando agli italiani quel governo di Patrioti necessario per affrontare le criticità dei tempi difficili in cui viviamo”, conclude Soranzo.