Garante dei detenuti Vicenza, pubblicato l’avviso per la presentazione delle candidature

291
garante detenuti vicenza

Il comune di Vicenza ha pubblicato l’avviso per la presentazione delle candidature per la nomina del Garante dei detenuti. Le domande vanno presentate entro le 12 del 17 novembre 2023.

I requisiti e le competenze del garante sono stati definiti sulla base delle linee guida adottate lo scorso agosto da Anci e dal Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà, che hanno portato alla modifica del regolamento comunale.

Possono presentare la propria candidatura a garante coloro che siano in possesso di un’adeguata formazione ed esperienza nell’ambito della promozione e della tutela dei diritti umani, in particolar modo in quello della privazione della libertà personale e dell’esecuzione penale.

I candidati dovranno essere in possesso del diploma di laurea magistrale o vecchio ordinamento in materie affini all’incarico, quali ad esempio scienze giuridiche o sociali, e di comprovata esperienza, almeno quinquennale, nel campo della tutela dei diritti delle persone e delle scienze giuridiche.

Oppure è necessaria specifica comprovata esperienza, almeno decennale, nei medesimi settori. Il candidato dovrà, inoltre, offrire massima garanzia di probità, indipendenza e competenza. Il garante dura in carica cinque anni con possibilità di proroga fino all’elezione del successore, per un massimo di sei mesi. L’incarico è rinnovabile non più di una volta. L’attività di garante dei detenuti di Vicenza è gratuita.

Il modulo di domanda compilato con il curriculum dovranno essere inviati tramite posta certificata (PEC) all’indirizzo vicenza@cert.comune.vicenza.it o in busta chiusa e consegnato a mano all’ufficio protocollo del Comune secondo le modalità indicate nell’avviso.

“La nuova figura che andremo ad individuare è quella di un garante potenzialmente a tutto campo, che tutela i diritti delle persone limitate nella libertà personale diffondendo la cultura dei diritti finalizzata alla sicurezza sociale – spiega l’assessore alle Politiche sociali del Comune di Vicenza, Matteo Tosetto -.

Il suo ruolo sarà indispensabile per sancire come le persone private della libertà personale siano parte integrante della cittadinanza dei diritti, dei servizi e della partecipazione alla comunità locale. Per questo promuoverà politiche di integrazione, di promozione della tutela dei diritti e della relazione tra società dei detenuti e società dei liberi. In tal modo si impegnerà per rendere effettivo il principio costituzionale del reinserimento sociale”.