Il Veneto tra le regioni “amiche” delle nuove generazioni. Boschetto: Siamo la 3° regione per habitat favorevole per imprese e lavoro dei giovani

605
Boschetto e Speri: Veneto regione amica delle giovani generazioni
Boschetto e Speri: Veneto regione amica delle giovani generazioni

L’Italia è o non è un Paese per giovani? Di sicuro è un Paese a diverse velocità per condizioni favorevoli al lavoro e alla voglia di fare impresa dei giovani. Il rapporto presentato all’annuale Convention Giovani Imprenditori Confartigianato a Roma ha disegnato la mappa delle regioni “amiche” delle nuove generazioni e, il Veneto, risulta terzo in questa speciale classifica con l’indice di “amicizia” pari a 769. La regione che offre ai giovani le condizioni migliori per lavorare e per fare impresa è la Lombardia (indice pari a 798 punti) seguita, a poca distanza, dal Piemonte (770 punti). Dietro al Veneto l‘Emilia Romagna (730 punti) ed il Trentino Alto Adige (716 punti).

L’indice misura le condizioni dell’habitat sulla base di tredici indicatori tra cui: il tasso di occupazione under 35, la presenza di giovani imprenditori, la collaborazione scuola – imprese, la diffusione dell’apprendistato ed il saldo migratorio dei giovani verso l’estero o altre regioni.

“Questa Italia a diverse velocità da un lato favorisce le 522.086 aziende guidate da under 35, dall’altro è all’origine di un nostro record negativo in Europa: nel 2022 siamo stati il Paese con il più alto numero di giovani tra 25 e 34 anni che non si offrono sul mercato del lavoro, ben 1.568.000, con un tasso di inattività del 25,4%, rispetto al 15% della media europea. –afferma Roberto Boschetto, presidente Confartigianato Imprese Veneto-. Secondo il rapporto di Confartigianato va un po’ meglio nella nostra Regione – prosegue– dove i giovani inattivi tra i 25 e i 34 anni sono circa 83 mila, con un tasso di inattività pari al 16,6%.

“I giovani – conclude Boschetto – sono il futuro del made in Italy. Ma gli 83mila under 35 fuori dal mercato del lavoro -parlando di Veneto- rappresentano un assurdo ‘spreco’, una vera e propria emergenza da affrontare rapidamente. L’Anno Europeo delle Competenze sia l’occasione per cambiare davvero, facendo leva sulla formazione, su un nuovo e intenso rapporto tra scuola e imprese per trasmettere il ‘saper fare’, su misure per sostenere la creazione d’impresa e il passaggio generazionale in azienda”.

“Il 30,4% delle imprese giovanili attive nella nostra Regione (che sono 34.374) è iscritta all’Albo Imprese Artigiane; la media nazionale si ferma invece al 23,6% – afferma Giorgia Speri, presidente Giovani Imprenditori Confartigianato Imprese Veneto – Il fatto che 1 impresa giovanile su 3 sia artigiana conferma l’innata vocazione manifatturiera della nostra Regione che ha saputo traghettare nel tempo tradizioni e maestranze, tenendo però sempre un occhio sul futuro. Tuttavia –continua– non possiamo non osservare anche delle evidenti criticità sulla vocazione imprenditoriale dei giovani. Nonostante i valori assoluti, l’incidenza di imprese giovanili sul totale in regione è ferma al 7,3% e ci vede sotto la media nazionale (8,7%). E l’andamento demografico negativo, giustifica solo una parte della flessione delle imprese giovanili. Nel breve periodo sono altre le cause da considerare: la tradizionale difficoltà italiana sul passaggio generazionale, i costi e i maxi rincari che, comprimendo i margini di guadagno, hanno sconsigliato non pochi giovani ad aprire un’attività imprenditoriale. Una riflessione va fatta anche sulla qualità e quantità degli incentivi, sia a livello nazionale che regionale. Infine – conclude Speri – sono convinta che la propensione imprenditoriale dei giovani dipenda anche dalla qualità dei servizi di supporto, tutoraggio, accompagnamento manageriali. Ed è proprio qui che le Associazioni di categoria come la nostra devono essere protagoniste puntando su servizi di orientamento e supporto alla creazione di impresa rivolto in particolare ai giovani.”