La “festa popolare” di Possamai, tra birra, citazioni colte e “vips”

799
Giacomo Possamai e la festa popolare
Giacomo Possamai e la festa popolare

C’è odore di sigaretta, qualche birra rigorosamente nel bicchiere di plastica, abbigliamenti informalissimi (qualche ciabatta), e buona musica. Giacomo Possamai l’aveva promesso, la festa di chiusura della sua campagna elettorale sarebbe stata una “festa popolare” a cui tutta la città era invitata. Alla fine il tempo ha retto, nonostante i nuvoloni neri che nel pomeriggio minacciavano Vicenza e la sera il cielo si è schiarito.

Chi se la sentisse di portare 5 birre sul palco sappia che non è vietato. Facciamo sei.” Dalle 20.15 suona il gruppo Gli Stellari: millantano ritmi “valdagnesi”, ma le sonorità sono più orientate sulla musica centroamericana, con trombe e sax squillanti. Il repertorio poi vira velocemente su cover conosciute e rivisitate. L’aria è festosa. I bar di piazza delle Erbe sono pieni. Qualcuno si è portato la sedia da casa e segue tutto dalla piazzetta dei Bissari. Ci sono molti giovani, quelli che Possamai invita a non fuggire da Vicenza. Man mano che cala la sera, gli spettatori aumentano.

Tra gli spettatori bazzicano poi alcuni “vips“. Sotto il palco si intravede Daniela Sbrollini, deputata di Italia Viva. Poco distante Andrea Crisanti, senatore dem ed ex direttore del dipartimento di microbiologia dell’Università di Padova arrivato alla ribalta dei programmi in TV durante la pandemia, fa un giro di saluti. Sul palco, nei momenti “morti” vengono proiettati spezzoni di programmi televisivi di una volta: sfilano Enzo Biagi, Nilde Iotti, Sandro Pertini (“Dico al mio avversario: io combatto la tua idea che è contraria alla mia, ma sono pronto a battermi al prezzo della mia vita perché tu la tua idea la possa esprimere sempre liberamente), con sotto la scritta “prendi parte al cambiamento“. Il tema della serata è tutto rosso e blu, i colori scelti per la campagna. Colori che si ritrovano sulle magliette dei sostenitori di Possamai.

Largo ai giovani” esclama qualcuno quando si chiede come mai sostiene Possamai. “Il futuro è loro, dei giovani, che non scappino più fuori dall’Italia” sottolineano. Ed ecco che a duettare con Giacomo Possamai arriva Vergassola…


Qui tutta o quasi la storia in divenire delle elezioni amministrative Vicenza 2023