La Regione Veneto ha deliberato le valutazioni sui direttori generali della sanità. Iov al top, Azienda Zero “ultima”

1129
sanita veneta valutazioni direttori generali

Obbiettivi dei Direttori generali della sanità veneta 2021: la Giunta regionale ha approvato le valutazioni di sua competenza. A seguito della proposta dell’assessore alla Sanità e alle Politiche sociali, Manuela Lanzarin, l’esecutivo ha quindi deliberato in merito al raggiungimento degli obiettivi da parte del management sanitario.

Tra questi la garanzia dei livelli essenziali di assistenza e il rispetto dei vincoli di bilancio di aziende sanitarie e ospedaliere, dell’Istituto Oncologico del Veneto (IOV) e, ovviamente, di Azienda Zero.  

La Giunta, contestualmente, ha inoltre preso atto della loro valutazione complessiva, comprendente anche quella espressa dalle Conferenze dei Sindaci e dalla Quinta Commissione consiliare. 

“Nella valutazione dei Direttori generali – spiega la Giunta regionale – a noi spetta l’attribuzione massima di 60 punti su 100 per ciascuna delle Ulss e di 80 punti su 100 per le Aziende ospedaliere universitarie di Padova e Verona e per lo IOV-IRCCS. 

A questa assegnazione vanno aggiunti 40 punti nel primo caso e 20 nel secondo equamente espressi (in misura fino a 20 e fino a 10) dalle Conferenze dei Sindaci e dalla Commissione consiliare competente. Sommati i tre giudizi, per il 2021″.

Il quadro complessivo delle valutazioni deliberate è espresso nella grafica sottostante.

sanita veneta valutazioni direttori generali

Come si nota, spicca il 98,2% dello Iov (dg Patrizia Benni). Segue, con 95,5%, l’Azienda ospedaliera universitaria integrata di Verona (Callisto Bravi). Sul “podio” l’Ulss 2 Marca Trevigiana con 95,1% (Francesco Benazzi).

L’Ulss 8 Berica (dg Giuseppina Bonavina), è “solo” terzultima con 87.6%, precedendo Ulss 6 Euganea 87.3% (Paolo Fortuna) e il “fanalino di coda” Azienda Zero 85.6% (dg Roberto Toniolo).

Ma i direttori generali sono stati tutti promossi perché le valutazioni sono alte per tutti e, soprattutto, superano tutti il 70% di punteggio, oltre il quale la legge stabilisce un premio di risultato da sommare alla paga base di oltre 154mila euro annui lordi.

“Con specifica delibera del luglio del 2021 – sottolinea l’assessore Lanzarin – sono stati individuati gli obiettivi e gli indicatori riferiti allo steso anno. Con questi, la Giunta ha proceduto alla valutazione dei Direttori generali per la parte di sua competenza a determinare le valutazioni dei DG delle nove ULSS, delle due Aziende Ospedaliere e dello IOV. Per considerare raggiunti gli obbiettivi, il risultato totale considerato è di almeno il 70% sulla totalità delle valutazioni. Tutti hanno positivamente superato questa soglia.

Il 2021 non è stato un anno facile nella gestione di un’azienda sanitaria od ospedaliera, ancora condizionata fortemente dal contrasto al contagio da Coronavirus e dalle restrizioni e dai rallentamenti che ha comportato – prosegue l’assessore -. Nell’approccio alla valutazione è stato previsto anche l’obiettivo di gestire gli effetti che la pandemia ha avuto sul sistema sanitario e, di conseguenza, anche quello di riattivare le attività sospese o ridimensionate. Importanza è stata data al recupero delle liste di attesa, alle coperture vaccinali in generale, all’implementazione di supporti di telemedicina nelle attività distrettuali”.