Occhi sul mondo: falce e martello rimossi a Kiev: sulla statua della Madre Patria c’è un tryzub, il tridente bizantino d’Ucraina

751
Immagine Statua della Madre Patria a Kiev
Immagine Statua della Madre Patria a Kiev

I lavori per la rimozione della falce e martello della Statua della Madre Patria di Kiev sono conclusi, ma sono motivo di polemiche. I lavori iniziati il 16 luglio sono stati portati a termine entro la scadenza prefissata, il 24 agosto. Il monumento doveva essere finito entro il Giorno della Liberazione, anche come motivo di resistenza ed orgoglio. La Statua è stata commissionata allo scultore Evgenij Vučetič nel 1981, quando ancora l’Ucraina era una repubblica sovietica e al comando c’era Breznev. È la più alta d’Europa, nonostante la modifica della spada che fu accorciata per non superare il monastero ortodosso di Pečerska Lavra. La statua sarà nominata “Ucraina-madre”, si presume durante il Giorno della liberazione.

Il simbolo Urss raffigurato sullo scudo è stato sostituito dal tryzub, il tridente bizantino d’Ucraina, lo stemma dei principi Rjurkidi e della Rus’ di Kiev. Non se ne conoscono le origini, ma assunse un significato politico nel 1929 quando diventò l’emblema dell’Organizzazione dei Nazionalisti Ucraini, un partito nazionalista e fascista che nel ‘41 collaborò con Hitler. Ne cambiarono il tryzub aggiungendo una spada centrale. Il loro aiuto consegnò territorio al terzo Reich e portò alla morte 100.00 ebrei e polacchi. Per questo fu poi bandito in era sovietica. Si può notare questo tryzub indossato da Zelensky durante i suoi incontri con la Premier Giorgia Meloni, Papa Francesco ed il Presidente della Repubblica Mattarella.