I Paesi dell’UE siglano un importante accordo sulla migrazione

705
migranti migrazione UE
migranti migrazione UE

Il via libera di Roma ha sbloccato un importante accordo sulla migrazione per la revisione delle procedure di asilo dell’UE per la prima volta da anni, dopo una lunga riunione dei ministri degli Interni a Lussemburgo. L’intesa modificherebbe sia il modo in cui i richiedenti asilo vengono trattati alla frontiera sia il modo in cui vengono ricollocati in Europa.

Mentre giovedì pomeriggio un numero sufficiente di Paesi — tra cui Germania e Francia — aveva aderito all’accordo, una coalizione di circa 10 Stati guidata dall’Italia lo ha bloccato fino a tarda sera.

La riforma delle leggi sull’immigrazione e l’asilo prevede una tassa di 20.000 euro a testa per i Paesi membri che rifiutano di ospitare i rifugiati. In base a un compromesso dell’ultimo minuto, è stato concordato che saranno gli Stati membri, piuttosto che l’UE nel suo complesso, a stabilire quale sia il Paese “sicuro” per i migranti respinti con la motivazione che non hanno diritto all’asilo.

Gli Stati saranno obbligati a dimostrare un “legame” con il Paese in cui ogni migrante viene trasferito, ma questo legame può essere definito dallo Stato membro, hanno detto i diplomatici. Questo sembra dare a ciascuno una certa flessibilità sulla possibilità di rimpatriare i migranti in Paesi terzi che non tutti i Paesi dell’UE potrebbero ritenere un rifugio sicuro.

Le fonti hanno detto che l’accordo sulla migrazione è stato raggiunto dopo che l’Italia e diversi altri Stati hanno chiesto che la cosiddetta regola del “legame – che richiede una relazione consolidata con un Paese terzo, come un rapporto storico, della durata di anni – fosse attenuata. Il testo definitivo non è ancora disponibile.

Fonte: The Vision