Pensioni minime, Inps: “Incremento e arretrati da luglio”. Cisl: “In Veneto solo al 44% dei pensionati poveri”

577
pensioni minime

Arriveranno nel mese di luglio gli arretrati dell’aumento delle pensioni minime introdotti con l’ultima legge di Bilancio. Lo ha comunicato oggi l’Inps. “Con la mensilità del mese di luglio – si legge in un comunicato stampa – l’Istituto pagherà ai pensionati aventi diritto gli aumenti previsti dalla legge di Bilancio 2023 (L. 29 dicembre 2022, n. 197). Si tratta dell’incremento che la legge 197/2022 riconosce ai titolari di pensioni di importo pari o inferiore al trattamento minimo per il periodo dal 1° gennaio 2023 al 31 dicembre 2024, per contrastare gli effetti negativi delle tensioni inflazionistiche registrate e attese per gli anni 2022 e 2023.

L’incremento – prosegue Inps – è pari a 1,5 punti percentuali per l’anno 2023, elevato al 6,4% per i pensionati di età superiore a 75 anni, e di 2,7 punti percentuali per il 2024 senza distinzione di età, con riferimento all’importo mensile lordo dei trattamenti pensionistici complessivamente spettanti al beneficiario, che deve risultare pari o inferiore all’importo del trattamento minimo Inps vigente.

Con il pagamento di luglio saranno corrisposti anche gli arretrati spettanti dal 1° gennaio 2023 o dalla decorrenza della pensione, se successiva, e l’importo sarà evidenziato sul cedolino di dettaglio del pagamento con un’apposita voce”.

In merito a questo annuncio, Fnp Cisl Veneto aveva fornito di recente dei dettagli relativi al Veneto.

“La pensione di luglio – riferisce il sindacato – rischia di diventare una doccia fredda per chi percepisce l’assegno minimo (fino a 563,74 euro lordi al mese). Una vera e propria beffa considerando che già ha dovuto aspettare sei mesi per veder riconosciuta la perequazione aggiuntiva stabilita con la Legge di Bilancio, sbandierata come rivalutazione al 120% del tasso di inflazione. Essa, infatti, arriverà in Veneto a meno della metà dei pensionati poveri: al 43,9% dei pensionati con assegno fino a 500 euro al mese (circa 38.500 persone su 87.600), cioè i titolari di una prestazione fiscalmente imponibile.

L’Inps, infatti, in una circolare (la n. 35/2023) ha chiarito che da questo incremento sono escluse le pensioni basse che hanno natura assistenziale. Considerando la stessa discriminante, una migliore applicazione pratica sarà per l’altrettanto sbandierata pensione minima a 600 euro per gli over 75: i beneficiari in Veneto saranno circa 12mila, il 78% degli over 75 totali con una pensione mensile fino a 500 euro”.

I numeri evidenziati sono una stima calcolata dalla Fnp Veneto rielaborando per fasce di importo, per tipologia di pensione e per fasce d’età l’ultimo Rapporto Inps sui beneficiari di trattamenti pensionistici in Italia (dati relativi al 2021).

“Finalmente l’Inps sta chiudendo la procedura e le somme aggiuntive per le pensioni minime, previste dalla Legge di Bilancio, saranno erogate a luglio con gli arretrati”, considera Tina Cupani, segretaria generale Fnp Veneto, “ma è giusto che gli anziani che hanno una pensione minima, o inferiore alla minima, sappiano che non tutti avranno questi incrementi, che sono peraltro di natura transitoria.

Questo dovrebbe insegnare al Governo a non fare più facili proclami, e rinnoviamo la richiesta di affrontare la riforma fiscale e la riforma previdenziale in modo strutturato e parallelo per i pensionati la tutela del potere d’acquisto è cruciale, per quanti hanno un assegno basso è vitale contare su sostegni certi.

Non ci stancheremo di ripetere che una seria ed efficace lotta all’evasione e all’elusione fiscale sia la vera ricetta per recuperare risorse da destinare al welfare, non una flat tax che rischia di favorire solo i redditi alti”, conclude Tina Cupani.

Infine dalla Fnp Veneto un appello ai percettori di pensioni minime: “Controllate bene il vostro cedolino a luglio, e se avete dubbi rivolgetevi al nostro patronato Inas Cisl”.