Vicenza, revocati 4 Permesso di Soggiorno a cittadini extracomunitari a seguito dei controlli interforze disposti dalla Questura

423
vicenza quadrilatero allontanamenti permesso di soggiorno arrestato marocchino
Controlli della polizia nella zona del Quadrilatero di Vicenza (archivio)

4 revoche del Permesso di Soggiorno nei confronti di altrettanti cittadini extracomunitari sono state emanate dal questore di Vicenza, Paolo Sartori, a margine dei controlli interforze che sono stati svolti nelle scorse ore in città.

Come spesso avviene in questi casi, i destinatari dei provvedimenti della questura avevano validi titoli per il permesso di soggiorno, ma avendo poi commesso reati di varia natura hanno compromesso gli stessi, come poi emerso dagli accertamenti svolti dalle forze dell’ordine.

Per i 4 soggetti così identificati, ora, l’intimazione del questore Sartori a lasciare entro 14 giorni l’Italia.

Sorte analoga a altri due extracomunitari controllati nel corso delle stesse attività e destinatari di Decreti di allontanamento dal Territorio Nazionale. Questi ultimi sono risultati irregolari e con a proprio carico precedenti penali e di polizia.

Le attività di controllo, che hanno come sempre riguardato le aree maggiormente a rischio di Vicenza, oltre alla revoca dei permesso di soggiorno e agli allontanamenti dal Paese, hanno prodotto anche 4 fogli di via e 2 avvisi orali.

Alle attività operative hanno preso parte pattuglie della Questura di Vicenza, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Polizia Locale di Vicenza e del Reparto Prevenzione del Crimine della Polizia di Stato. 30, complessivamente, gli uomini e donne delle forze dell’ordine che hanno operato.

In particolare sono state controllate le zone di Campo Marzo, del Quadrilatero, Viale San Lazzaro, Via Santi Felice e Fortunato, San Pio X, l’area dei Giardini Salvi, il Parco Fornaci e le aree del Centro urbano.

Le operazioni di Polizia si sono concentrate per lo più nelle aree del Capoluogo segnalate dai cittadini come maggiormente “a rischio”, con pattugliamenti mirati. Nelle ore serali e notturne, inoltre, è stato attentamente monitorato il Centro storico cittadino, luogo di aggregazione particolarmente frequentato soprattutto nelle giornate di sabato e domenica.