PNRR a rischio per Rucco, Porelli e Notarangelo, consiglieri del gruppo che torna a chiamarsi Idea Vicenza: video integrale conferenza stampa

388

Il rischio PNNR è stato al centro di una conferenza stampa convocata per oggi presso la sala Collese di palazzo Trissino dal gruppo Lista Rucco, che, nell’occasione, per bocca proprio di Francesco Rucco, ha annunciato in premessa che per ovvi motivi ha cambiato la sua denominazione in quella iniziale di Gruppo Idea Vicenza.

Erano presenti oltre al capogruppo i due consiglieri comunali Valeria Porelli, vice presidente del Consiglio Comunale, e Stefano Notarangelo, e l’argomento, come preannunciato, è stato il rischio per Vicenza di perdere in toto o in parte i fondi PNRR, più di 60 milioni di euro, per i ritardi nell’attuazione delle opere anche a causa della situazione a dir poco confusa, è stato detto, dell’organizzazione del personale comunale, che registra molte “fughe” verso altre città.

Vista la delicatezza del problema sollevato preferiamo lasciare la parola totalmente agli esponenti di Idea Vicenza pubblicando in copertina il video integrale della loro conferenza stampa odierna.
La battuta finale dell’architetto Notarangelo è stata rivolta alla campagna elettorale di Possamai che, tra le varie e principali priorità citava la necessità di trasformare Vicenza in una Smnart city: “realizzare i progetti del PNRR, ora a rischio, significa proprio mirare alla smart city, ma siamo preoccupati che questo non avverrà…“.

Il PNRR, acronimo di Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, è un piano strategico elaborato dal governo italiano per affrontare gli impatti economici e sociali derivanti dalla pandemia di COVID-19. Presentato nel 2021, il PNRR è parte integrante del Quadro Finanziario Pluriennale dell’Unione Europea ed è finanziato attraverso il NextGenerationEU. Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza prevede investimenti in diversi settori, tra cui transizione ecologica, innovazione, digitalizzazione, istruzione e formazione, salute e infrastrutture. L’obiettivo principale è promuovere la ripresa economica, rafforzare la resilienza del Paese e accelerare la trasformazione verso un’economia più sostenibile e inclusiva.