Referendum sulla giustizia, l’intervista all’on. Zanettin: “non se ne parla, i contrari al Sì ai 5 quesiti difendono la deriva manettara e giustizialista”

Giustizia e carriere
Giustizia e carriere

On. Pierantonio Zanettin, mancano meno di tre settimane ai referendum sulla giustizia,  ma pare che i cittadini non ne siano a conoscenza. Come giudica la campagna referendaria?

Pierantonio Zanettin commissione Giustizia
Pierantonio Zanettin commissione Giustizia

La campagna referendaria stenta a decollare perché i media nazionali non danno spazio al tema, che è assente, sia nei programmi televisivi, che nella carta stampata.

Ciò è molto grave sul piano democratico.

I partiti contrari ai quesiti referendari, dal  Partito Democratico al Movimento 5 Stelle,  a loro volta non  fanno campagna, perché puntano all’astensionismo.

Non le pare che anche i promotori del  referendum ora siano spariti dall’orizzonte?

Mi pare che ognuno stia facendo quello che può, ma oggettivamente gli spazi di dibattito pubblico sono davvero esigui.

Ne approfitto per ringraziare ViPiù per questa opportunità di spiegare le ragioni del Si.

Sono importanti tutte le occasioni di dibattito per risvegliare gli spiriti liberi.

Vuole spiegare allora perché bisogna votare si il 12 giugno?

La giustizia nel nostro paese è un problema irrisolto da decenni.

I problemi evidenziati dal caso di Enzo Tortora, più di trenta anni fa, rimangono ancora sul tappeto.

Nel frattempo il dibattito è stato inquinato da una deriva manettara e giustizialista, di cui il principale interprete è stato il Movimento 5 Stelle, ma di cui anche la sinistra ha grandi responsabilità.

Una vittoria del Si costituirebbe una svolta in senso garantista, per un giudice terzo ed imparziale e l’affermazione del principio costituzionale della presunzione di non colpevolezza.

Per questo questa occasione storica non può andare perduta.

Nel frattempo  che fine ha fatto la riforma Cartabia dell’ordinamento giudiziario e del Csm?

Dopo il voto della Camera dei Deputati è passata al Senato.

Attualmente è all’esame della commissione giustizia ed il voto dell’aula è previsto nella settimana successiva all’esito referendario.

E’ stata fatta questa scelta proprio per non interferire col dibattito referendario.

Spero che il testo non venga modificato e che la riforma possa entrare in vigore prima della elezione del nuovo Csm, che è prevista a fine luglio.

Invece è fallito clamorosamente lo sciopero dei magistrati contro la riforma

Personalmente non ho mai dubitato dell’esito.

Del resto  lo avevo previsto anche in una intervista a suo tempo rilasciata proprio a ViPiù.

Ormai è chiaro che i singoli magistrati non si riconoscono più in una Anm, espressione delle correnti della magistratura e che, di fronte ai  gravissimi scandali che in questi anni hanno interessato il Csm, ha guardato da un’altra parte.

I magistrati seri e laboriosi, che costituiscono la maggior parte della categoria non hanno timore di essere valutati sulla base dei risultati del loro lavoro e rifiutano l’egualitarismo, che li appiattisce e li mette nelle mani delle correnti.

 

Così si esprime sui referendum sulla giustizia il parlamentare vicentino di lungo corso, Pierantonio Zanettin, già membro laico del Csm e avvocato di professione.

E noi?

Anche ieri l’ex magistrato e presidente di tribunali, Giovanni Schiavon, evidenziava come gli intrecci tra poteri stanno da tempo inquinando almeno un processo in corso, quello per il crac di Veneto Banca.

E la nostra personale esperienza, con anche una condanna, per carità ancora di primo grado, alla detenzione, definita “raggelante e intimidatoria” da Ossigeno per l’Informazione, bocciata come misura generale da un ventennio dalla CEDU e dichiarata incostituzionale dalla Consulta, non ci può non far vedere favorevolmente la libera determinazione del popolo sui referendum sulla giustizia che, tra le varie, questioni, però e purtroppo, non pongono anche quella, non ammessa, sulla responsabilità personale dei giudici che dovessero sbagliare non per meri errori tecnici…

Giovanni Coviello (nato l'8-12-1950) è il direttore responsabile di ViPiu.it, nata come testata cartacea VicenzaPiù il 25 febbraio 2006, poi cresciuta dal 2008 con la sua versione web, che ha integralmente sostituito quella cartacea dal 1° gennaio 2016, e che, da due anni, ha assunto la denominazione attuale, non connotata geograficamente, a significare che il quotidiano web indipendente si occupa di notizie e approfondimenti su Veneto (focus Vicenza), Nord est in genere, Lazio con focus su Roma istituzionale e storica, Riviera di Ulisse e Monti Aurunci, Italia e uno sguardo su Europa e mondo. Dopo un'iniziale esperienza da ingegnere elettronico come ricercatore volontario universitario a Roma (1976) e il servizio militare in Marina Militare come ufficiale di complemento (Accademia di Livorno, 1976-78) ha maturato varie esperienze di vertice, nazionali e internazionali, nel settore dell'informatica (1978-1993), ha ricoperto cariche in Confindustria Roma e Apindustria Vicenza, quindi si è occupato di marketing e gestione sportiva di vertice (volley femminile di A1 a Roma e Vicenza) anche da vice presidente della Lega di Pallavolo Femminile di serie A, è stato direttore editoriale di un inserto di marketing internazionale su Pc Week (Mondadori Informatica), collaboratore di Espansione (Mondadori), per poi concentrarsi direttamente dal 2008 sulle edizioni giornalistiche. È giornalista professionista, ha curato vari libri e pubblicato direttamente, tra questi, “Vicenza. La città sbancata”, “BPVi. Bugie Popolari Vicentine”, “BPVi. Risparmiatori ingannati. L’azione di (ir)responsabiltà”, “Roi, la fondazione demolita”.