Rsa Veneto: Cisl propone riforma per superare crisi e carenza di personale

375
Anziani in una RSA veneto
Anziani in una RSA

“Le RSA del Veneto non hanno bisogno solo di soldi, ma di una completa riorganizzazione. Anche così si evita l’aumento delle rette. Bisogna riformarle insieme a Pnrr e Ats. Ne sono convinte Fp e Fnp della Cisl Veneto che rilanciano la proposta, presentata a giugno, di riassetto dei centri servizi valorizzandone la prossimità.

“La prima soluzione è didascalica: chiedere più fondi – dicono Marj Pallaro e Tina Cupani, segretarie generali rispettivamente di Fp e Fnp Veneto, le sigle della funzione pubblica e dei pensionati -. È successo anche pochi giorni fa in V Commissione in Consiglio regionale. Ma un ulteriore passa da fare è riformare completamente le RSA.

Questo sarebbe possibile, e noi della Cisl lo diciamo da tempo ormai, se la Regione Veneto mettesse mano a una vera riforma dei centri servizi, che inglobi e vada oltre la pur necessaria riforma delle Ipab mai fatta in 23 anni. Una riforma che sia, poi, coordinata a quella degli ATS e alla messa a terra del PNRR”.

Partendo dalla constatazione che le RSA sono 347 in Veneto, quindi con una presenza capillare in tutta la regione, Fp ed Fnp hanno elaborato e presentato a giugno una “ricetta” per il riassetto dell’assistenza sociosanitaria territoriale, che le include come soggetti erogatori di servizi “oltre” la sola residenzialità. Un riassetto che deve prevedere anche una riorganizzazione delle governance, spesso troppo legate ai Comuni di afferenza, e delle gestioni amministrative.

“Si creerebbe un circolo virtuoso tra risparmi di costi gestionali e ampliamento dei servizi e, quindi, aumento delle entrate. Tutto questo con beneficio sia per le strutture che per il territorio. E con ovvie e positive ripercussioni sulla quota delle rette residenziali a carico delle famiglie – spiegano le sindacaliste -.

Stiamo portando questa visione in tutte le sedi competenti. Ma da un lato la Regione continua a tenere inspiegabilmente separati i temi sociosanitari, dall’altro le strutture si chiudono sempre più in se stesse”.

Quella proposta dalla Cisl è una strategia che guarda al futuro, ma che non è sostitutiva di altre azioni necessarie oggi più volte sollecitate, ma ancora lontane dal vedere una risposta soddisfacente da parte della Regione Veneto: l’incremento delle impegnative di residenzialità (oggi un anziano su 4 deve pagarsi interamente la retta che supera anche i 3 mila euro al mese) e l’aumento dei posti letto in relazione all’invecchiamento della popolazione e, quindi, all’aumento degli anziani non autosufficienti.

Una ricerca della Fnp Veneto, presentata a inizio anno, ha calcolato che entro il 2042 dovranno essere attivati altri 10.700 posti letto aggiuntivi ai 34mila odierni, per garantire la stessa proporzione di oggi di 17% anziani non autosufficienti assistiti in struttura e 83% in casa.

La riforma proposta dalla Cisl Veneto è un passo importante per rispondere alla crisi delle RSA e garantire una migliore assistenza agli anziani non autosufficienti.