Savona, la Consob e lo scacco per Generali: il commento di Primo Mastrantoni (Aduc)

Paolo Savona e lo scacco Consob
Paolo Savona e lo scacco Consob

“Non sono io a tenere in scacco la Consob ma è la vecchia Consob a tenere in scacco Savona” – si legge nel comunicato che pubblichiamo a firma di Primo Mastrantoni dell’Aduc (qui altre note Associazione per i diritti degli utenti e consumatori su ViPiu.it, ndr) –. Non credevano ai nostri occhi e ce li siamo ben bene stropicciati per confermare la lettura di un tweet (!) del presidente della Consob, Paolo Savona. La questione riguarda, in particolare, le Assicurazioni Generali, sulle quali c’è un diverbio sulla composizione del Cda e l’utilizzo del prestito titoli, problema sul quale la Consob deve esprimere un parere.

La Consob è la Commissione nazionale per le società e la borsa, vigila sui mercati finanziari per la tutela degli investitori, dell’efficienza, della trasparenza e dello sviluppo del mercato mobiliare italiano.

Sarebbe interessante e utile per i risparmiatori che il presidente Savona ci dicesse da chi è tenuto in scacco e che, quindi, non è in condizioni di vigilare il mercato finanziario.
Ricordiamo agli smemorati, che Savona fu proposto al ministero dell’Economia da Luigi di Maio, che minacciò la messa in stato d’accusa del presidente Mattarella che ne aveva rifiutato la nomina. Poi Savona passò al ministero degli Affari europei e, successivamente, dirottato alla Consob. Ora il tweet.

Primo Mastrantoni, Aduc