Report di Sostenibilità del gruppo OTB, il 41% dell’elettricità arriva da fonti rinnovabili

574
sostenibilità

Presentato il primo Report di Sostenibilità del gruppo OTB ad un anno dal lancio della strategia di Gruppo “Be Responsible. Be Brave”.

Un fondamentale lavoro di monitoraggio e rendicontazione che, sulla base di tre macroaree “Protecting our Planet”, “the New Fashion System” e “Brave Together”, ha coinvolto tutti i Brand, i dipartimenti e lo staff per misurare i traguardi raggiunti con particolare focus sul 2021 e la carbon footprint del Gruppo nel triennio 2019-2021.

Dal report è emerso che il 41% dell’elettricità usata per le operazioni interne di OTB proviene da fonti rinnovabili. Ma l’obbiettivo è raggiungere la neutralità carbonica delle operazioni interne entro il 2030 e dell’intera catena del valore entro il 2050. Come? Attraverso un piano d’azione con una forte attenzione al miglioramento della gestione energetica e la riduzione dell’impronta ambientale del Gruppo.

“Solo quando la sostenibilità diventa un modo di pensare si può parlare di vero cambiamento” ha detto Renzo Rosso, imprenditore vicentino, presidente e fondatore del gruppo.

Molte le attività messe in campo e ancora da sviluppare, per ogni singolo brand del gruppo, in campo ambientale.

Ma OTB sostiene di aver prestato attenzione anche alla parità di genere. Sempre il report riferisce che, nel 2021, il 51% delle posizioni manageriali è occupato da donne su un totale di circa 6.000 dipendenti. Il 63% è donna e il 57% ha meno di 30 anni.

Occhio ai giovani: rafforzati i programmi di formazione e di valorizzazione dei talenti che mettono le nuove generazioni al centro dello sviluppo futuro del Gruppo come, ad esempio, la “Scuola dei Mestieri”, la scuola di apprendimento pratico di Staff International che offre a un gruppo selezionato di studenti di talento un programma di tirocinio e dà loro la possibilità di diventare Fashion Maker 4.0.

Infine, OTB Foundation, ovvero l’organizzazione no-profit indipendente nata nel 2008, che ha investito in oltre 300 progetti di sviluppo sociale che hanno avuto impatto positivo diretto sulla vita di circa 300.000 persone.