“Toponimi vicentini narrati da Luciano Parolin”: Contrà Valmerlara già Val Merlara, in passato una palude col passaggio vietato per motivi sanitari

Contrà Valmerlara (Vicenza-Toniolo Ilaria-Colorfoto per Vipiù)
Contrà Valmerlara (Vicenza-Toniolo Ilaria-Colorfoto per Vipiù)

Contrà Valmerlara già Val Merlara. Da Porton del Luzzo seconda a destra (qui la mapparubrica “Toponimi vicentini narrati da Luciano Parolin” qui tutti gli articoli, ndr). La strada, nel sec. XVIII, era più bassa del livello attuale, aveva un avvallamento che portava acqua al Retrone, era quasi una palude. Il conte Enea Arnaldi, che era anche architetto, descrive la strada così: «è una delle più meschine che siano nella nostra patria, tutta scoperta, bassa, ineguale, non selciata, fangosa, ignobile,..».

Il passaggio era vietato per motivi sanitari. Il problema di Contrà Valmerlara si risolse con la conclusione dei lavori per i portici di Monte Berico, progettati da Francesco Muttoni e terminati nel 1780. La strada fu innalzata, pavimentata e lastricata.

Sei arrivato fin qui?

Se sei qui è chiaro che apprezzi il nostro giornalismo, che, però, richiede tempo e denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per la stampa indipendente ma puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per darti moltissime notizie e numerosi approfondimenti gratis e solo alcuni in parte a pagamento. Se vuoi continuare a leggere in futuro i nostri articoli ed accedere per un anno a tutti i contenuti PREMIUM, alle Newsletter online e a molte iniziative in esclusiva per te puoi farlo al prezzo di un caffè, una birra o una pizza al mese.

Grazie, Giovanni Coviello

Sei già registrato? Clicca qui per accedere