“Toponimi vicentini narrati da Luciano Parolin”: Piazza del Castello, già piazza San Savino o anche piazza dei Buoi

Piazza del Castello (Vicenza-Francesco Dalla Pozza-Colorfoto per ViPiù)
Piazza del Castello (Vicenza-Francesco Dalla Pozza-Colorfoto per ViPiù)

Piazza del Castello. Già piazza San Savino anche piazza dei Buoi (qui la mapparubrica “Toponimi vicentini narrati da Luciano Parolin” qui tutti gli articoli, ndr). Prima che vi sorgessero le fortificazioni si chiamava San Savino, dal nome di una chiesa che sorgeva in loco, piazza dei buoi perché si teneva il mercato degli animali.

Il luogo aveva particolare importanza per la difesa della città, volta ad ovest verso la strada principale di accesso alla città. Ezzelino da Romano rafforzò le mura e le torri da difesa, la più alta chiamata Torre Maggiore. Gli Scaligeri nel 1343 innalzarono il poderoso Torrione, restaurato nel 1507. Attualmente è proprietà privata.

Sei arrivato fin qui?

Se sei qui è chiaro che apprezzi il nostro giornalismo, che, però, richiede tempo e denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per la stampa indipendente ma puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per darti moltissime notizie e numerosi approfondimenti gratis e solo alcuni in parte a pagamento. Se vuoi continuare a leggere in futuro i nostri articoli ed accedere per un anno a tutti i contenuti PREMIUM, alle Newsletter online e a molte iniziative in esclusiva per te puoi farlo al prezzo di un caffè, una birra o una pizza al mese.

Grazie, Giovanni Coviello

Sei già registrato? Clicca qui per accedere