Via Bartolomeo Pajello o Pagello. Letterato e poeta. Quartiere di San Bortolo intra moenia. Intitolata via Bartolomeo Pajello con delibera consiliare 22 luglio 1911 (qui la mappa, rubrica “Toponimi vicentini narrati da Luciano Parolin” qui tutti gli articoli, ndr). Nato a Vicenza, attorno al 1450 e morto attorno al 1525. Il padre Lodovico era notaio, la madre Dototea Cividale. I Pagello erano una delle primarie famiglie della città per potenza, censo, cultura.

La loro origine risale a Corrado III di Hohenstaufen. Bartolomeo ebbe come precettore Ognibene Leoniceno che insegnò al nostro il greco e il latino. Amico di G.G. Trissino e Daniele Barbaro. Alla sua morte gli furono rese solenni onoranze, fu sepolto nella chiesa di Santa Corona.