La lista “Tosetto Ripartiamo da Vicenza” con il candidato sindaco Giacomo Possamai

1329
Tosetto Ripartiamo da Vicenza
Matteo Tosetto e Giacomo Possamai

La lista “Tosetto Ripartiamo da Vicenza” ha ufficializzato il sostegno al candidato sindaco del Centrosinistra Giacomo Possamai in una conferenza stampa che si è tenuta a Villa Lattes, già sede della Circoscrizione 6 e in cui era stata annunciata la fondazione della lista. Matteo Tosetto, ex assessore e vicesindaco della giunta Rucco (da cui è stato allontanato nello scorso agosto) ed ex coordinatore cittadino di Forza Italia, affiancato da gran parte dei componenti della civica, ha spiegato i perchè del sostegno a Possamai.

“Questa mattina ufficializziamo che la nostra lista – ha esordito Tosetto – ha concluso il percorso dei focus che, da settembre in poi, abbiamo fatto nelle sedi pubbliche, nelle case dei cittadini, negli uffici e, con i risultati di questi focus, abbiamo incontrato il candidato sindaco Possamai, gli abbiamo raccontato tutto questo percorso e condiviso con lui molti punti che vorremmo che fossero inseriti nella programma elettorale.”

“Per noi – ha proseguito l’ex assessore – uno dei punti fondamentali del programma elettorale è quello del sociale. Un sociale che dovrà essere molto più attento alle fasce più deboli e che dovrà avere una valutazione in prospettiva. C’è una comunità che sempre di più sta invecchiando e quindi dovremo mettere in cantiere non solo servizi pubblici, ma anche infrastrutture sociali che serviranno ad aiutare le famiglie e le persone anziane.”

Concretizzando le proposte, Tosetto ha iniziato dal sostegno alla domiciliarità: “non possiamo non pensare al nostro sistema residenziale. Si potrebbe cominciare a ragionare di condomini messi a disposizione di persone anziane che possano condividerne spazi, attività aggregative e servizi come le badanti di condominio.”

La disabilità è un altro tema centrale per Tosetto: “si deve istituire un tavolo con tutte le realtà associative che abbiamo nella nostra città. Vorremmo dare una marcia in più alle progettualità residenziali, anche ricorrendo a leggi nazionali, come quella “Dopo di noi”, e a finanziamenti regionali. Il Comune dovrà avere una parte attiva nel promuovere progetti abitativi per le famiglie con disabilità.”

Nei punti messi a fuoco ci sono anche le difficoltà economiche che hanno colpito molte famiglie. “Una risposta è un fondo specifico strutturale, che possa essere messo a disposizione di queste famiglie, che sottoscrivano in cambio un patto di comunità con l’amministrazione mettendosi a disposizione per fornire dei servizi.”

La sicurezza è la richiesta più forte e prioritaria emersa in tutti i focus della lista “Tosetto Ripartiamo da Vicenza”. “Crediamo che ci sia bisogno di un grande cambio di passo. Siamo convinti che finalmente si possa riuscire ad ampliare e potenziare l’organico della polizia locale, con la restituzione di un servizio fondamentale, quello dei vigili di quartiere. Vogliamo rivedere i due agenti della polizia locale per i nostri quartieri, in divisa e con un cellulare di servizio, che tornino a essere un punto di riferimento per i cittadini. Ci vuole anche un potenziamento del servizio di videosorveglianza non solo in centro storico, ma anche nei quartieri e nelle zone con una forte concentrazione di persone, come quelle in cui ci sono le attività commerciali.”

“A Matteo Tosetto – ha risposto Possamai – in questi anni è riuscita una cosa rara, farsi stimare dagli avversari politici intesi come la minoranza in consiglio comunale, le forze politiche che non facevano parte della stessa coalizione di cui lui era parte. Ed è una cosa rara, perché farsi stimare dagli amici è un po’ più semplice, farsi stimare da quelli con cui competi più complicato. Questa stima me la rimarcava chi viveva quotidianamente la vita del Comune nelle liste civiche o politiche della opposizione e me la rimarcavano anche tantissimi mondi, in particolare del sociale. Quello che posso dire è che per me è importante avere Matteo in squadra con la sua squadra per ragioni personali e politiche, perché guardo alle persone e alle qualità umane delle persone, e, per il secondo aspetto, perché Matteo ha una storia da moderato, da liberale e, in un’alleanza larga come quella che stiamo costruendo, per me è importante e simbolico che ci sia questo mondo insieme a noi. Quando c’è la stima e la voglia di costruire un percorso comune per me questo viene prima di qualsiasi tattica e algebra politica.”


Qui tutta o quasi la storia in divenire delle elezioni amministrative Vicenza 2023
Articolo precedenteGiovanni Cariolato, imprenditore di successo nella Valle dell’Agno, si racconta: dalla CA&G di Cornedo alla sua multinazionale GDS
Articolo successivoPossamai: “Governabilità col Pd e tante civiche? Non è un problema”. Tosetto conferma e Barbieri ex Lega: “Un buca non è né di destra né di sinistra”
Gianni Poggi
Gianni Poggi risiede e lavora come avvocato a Vicenza. È iscritto all’Ordine dei giornalisti come pubblicista. Le sue principali esperienze giornalistiche sono nel settore radiotelevisivo. È stato il primo redattore della emittente televisiva vicentina TVA Vicenza, con cui ha lavorato per news e speciali ideando e producendo programmi sportivi come le telecronache delle partite nei campionati del Lanerossi Vicenza di Paolo Rossi, i dopo partita ed il talk show «Assist». Come produttore di programmi e giornalista sportivo ha collaborato con televisioni locali (Tva Vicenza, TeleAltoVeneto), radio nazionali (Radio Capital) e locali (Radio Star, Radio Vicenza International, Rca). Ha scritto di sport e di politica per media nazionali e locali ed ha gestito l’ufficio stampa di manifestazioni ed eventi anche internazionali. È stato autore, produttore e conduttore di «Uno contro uno» talk show con i grandi vicentini della cultura, dell’industria, dello spettacolo, delle professioni e dello sport trasmesso da TVA Vicenza. Ha collaborato con la testata on line Vvox per cui curava la rubrica settimanale di sport «Zero tituli». Nel 2014 ha pubblicato «Dante e Renzo» (Cierre Editore), dvd contenente le video interviste esclusive a Dante Caneva e Renzo Ghiotto, due “piccoli maestri” del libro omonimo di Luigi Meneghello. Nel 2017 ha pubblicato per Athesis/Il Giornale di Vicenza il documentario «Vicenza una favola Real» che racconta la storia del Lanerossi Vicenza di Paolo Rossi e G.B. Fabbri, distribuito in 30.000 copie con il quotidiano. Nel 2018 ha pubblicato il libro «Da Nobile Provinciale a Nobile Decaduta» (Ronzani Editore) sul fallimento del Vicenza Calcio e «No Dal Molin – La sfida americana» (Ronzani Editore), libro e documentario sulla storia del Movimento No Dal Molin. Nel 2019 ha pubblicato per Athesis/Il Giornale di Vicenza e Videomedia il documentario «Magico Vicenza, Re di Coppe» sul Vicenza di Pieraldo Dalle Carbonare e Francesco Guidolin che ha vinto nel 1997 la Coppa Italia. Dal 9 settembre è la "firma" della rubrica BiancoRosso per il network ViPiù, di cui cura anche rubriche di cultura e storia.