Unioncamere del Veneto, il 7 luglio focus sull’impatto della guerra in Ucraina su imprese

264
guerra ucraina
Unioncamere Veneto, un precedente incontro sul tema

La ripartenza dopo la guerra in Ucraina richiede capacità di analisi degli scenari per guidare le imprese nell’esplorazione di nuovi scenari di mercato. Un aiuto concreto viene da Unioncamere del Veneto e Venice Promex, che hanno organizzato in collaborazione con ASCE Scuola di Competizione Economica Internazionale il ciclo di giornate di approfondimento, gratuite e in presenza, “Risposte all’impatto conseguente al conflitto in corso tra Russia e Ucraina”. 

Il 7 luglio alle 10 nella sede di Confindustria Venezia – Parco Scientifico Vega si approfondiranno gli aspetti geo-economici della Turchia e dall’area dal Mar Nero al Caspio. “Questo corridoio riveste particolare importanza soprattutto per le questioni legate all’approvvigionamento energetico, ma anche per importanti progetti di connettività e di sviluppo delle infrastrutture” spiega il prof. Arduino Paniccia di ASCE. “I principali paesi coinvolti sono Turchia, Armenia, Azerbaigian e Georgia, poco conosciuti ma strategici sul piano delle rotte commerciali, con un bisogno di interconnessioni nuove e di rafforzare la rete intermodale tra porti, ferrovie, strade. Una valida alternativa al passaggio a nord per connettere intere regioni che si affacciano su Mediterraneo, Europa e Mar Nero”. Il Prof. Carlo Frappi di Ca’ Foscari presenterà le peculiarità dell’area e le opportunità che in essa possono presentarsi per le imprese venete, il Prorettore e Ordinario di Diritto Internazionale di Ca’ Foscari Prof. Fabrizio Marrella affronterà invece la contrattualistica internazionale per operare in queste aree di particolare complessità e Sace presenterà gli strumenti governativi e gli interventi a sostegno delle imprese. 

“Il sistema camerale veneto è impegnato in prima linea nell’offrire alle aziende del territorio dati, relazioni e strumenti operativi per reagire alle conseguenze del conflitto – ricorda il presidente di Unioncamere del Veneto Mario Pozza – e questo ciclo di incontri rappresenta un’occasione di dialogo e confronto privilegiato con esperti”. 

Il ciclo prosegue il 14 luglio con la giornata dedicata al Sud Est Europa e Balcani, in cui si anticiperanno opportunità e previsioni e opportunità per il Nord Adriatico, si parlerà del ruolo

della Slovenia nella transazione energetica e delle strategie di near-shoring e reshoring nell’area balcanica in conseguenza del conflitto. 

Gli incontri – gratuiti e in presenza – organizzati da Unioncamere del Veneto e Venice Promex con ASCE Scuola di Competizione Economica Internazionale, sono destinati a imprese e intermediari. Sono dedicati all’inquadramento macroeconomico/geopolitico e all’analisi di opportunità di aree e Paesi identificati come nuovi sbocchi commerciali realmente praticabili per gli imprenditori veneti.