West Nile: i consigli della direzione Prevenzione della Regione Veneto

west nile

West Nile, il flavivirus che è oggi la causa principale di encefalite da arbovirus, è tenuto sotto osservazione anche in Veneto tanto che la Direzione Prevenzione della Regione del Veneto sta affrontando attivamente il fenomeno della sua diffusione.

In una nota precisa che West Nile è “un’infezione trasmessa dalle comuni zanzare Culex, che in alcuni casi può provocare una forma neuroinvasiva piuttosto grave, soprattutto negli anziani e nelle persone deboli.

Per la west nile non esiste un vaccino, è quindi particolarmente importante che le persone sappiano come difendersi al meglio dalla puntura degli insetti che potrebbero esserne portatori.

Per questo la Direzione Prevenzione della Regione Veneto ha avviato una campagna informativa, distribuendo una serie di tabelle che spiegano come difendersi in tutte le Ullss.

Si parte dal cos’è la west nile, per poi indicare gli indumenti più adatti da indossare soprattutto nelle ore serali, i repellenti cutanei da utilizzare, l’’utilizzo (se possibile) del condizionatore di notte (le zanzare soffrono le temperature basse), la raccomandazione di chiamare il medico se la febbre sale oltre 38,5 e compaiono dolori articolari e muscolari, cefalea, stato di confusione, eruzione cutanea”.